La sindrome di chi aiuta persone non autosufficienti, ovvero gli effetti collaterali dell'aiutare - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La sindrome di chi aiuta persone non…
10 abitudini Insegnare ai bambini il valore delle parole

La sindrome di chi aiuta persone non autosufficienti, ovvero gli effetti collaterali dell'aiutare

1.570
Advertisement

Quanti di voi vorrebbero avere un lavoro che tenga occupati 24 ore al giorno? Probabilmente nessuno, ma è esattamente quello che succede alle persone che si occupano di chi non è più autosufficiente.

Occuparsi degli altri è qualcosa che valorizza la persona sana, dà gratificazione e procura intense emozioni; può diventare però un impiego stressante al punto da scatenare una vera e propria sindrome, chiamata "sindrome del badante" – anche se non è limitata ai badanti veri e propri.

Ecco di cosa si tratta, come si riconosce e come si supera. 

In questo contesto, il termine "badante" si riferisce a quelle persone che non lavorano nel sociale, ma che si fanno carico di un familiare che non è più autosufficiente; dalla sindrome del badante possono essere colpite anche quelle persone che si improvvisano assistenti professionali, e che si ritrovano a prendersi cura di una persona 24 ore al giorno, senza avere gli strumenti (mentali soprattutto) per farlo.

Doversi prendere cura di persona che non è in grado di fare in autonomia neanche le azioni più semplici comporta un carico di stress non indifferente; se non si è pronti a gestire la situazione, l'esaurimento coinvolge sia il piano mentale che fisico. 

Tutto si complica ulteriormente quando la persona sana e quella da assistere vivono sotto lo stesso tetto.

Quando è un familiare la persona da accudire, è facile che lo stravolgimento interessi più ambiti della vita della persona che assiste. Quest'ultima, senza neanche accorgersene, dedicherà sempre più tempo all'impegno di "badante", fino a non avere più tempo libero, tempo da dedicare ai rapporti con la famiglia e gli amici ed energie da impiegare sul lavoro.

Se non viene fatto qualcosa in tempo, la sindrome del badante trova il terreno più fertile per svilupparsi. 

Advertisement
immagine: maxpixel.net

Volendo elencare i sintomi della sindrome del badante, ecco quali sono:

  • Stress;
  • Spossatezza;
  • Irritabilità;
  • Senso di frustrazione;
  • Demotivazione;
  • Scatti d'ira;
  • Violenza.

La sindrome del badante finisce per logorare sia la persona che ne viene colpita, che quella bisognosa di aiuto: quest'ultima, infatti, subirà una serie di atteggiamenti negativi messi in atto dalla persona sana.

È chiaro perché, quindi, è importante prevenire la sindrome del badante, sia che possa interessare noi stessi che altre persone; purtroppo, prendersi cura di un malato o di una persona disabile non è facile. Per questo esistono professionisti che hanno appreso come evitare l'esaurimento fisico o mentale.

Questo non vuol dire che non ci si debba prendere cura di una persona cara, ma di contattare un psicologo o un aiuto esterno nel caso il benessere fisico accennino a mancare.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie