"Sono sola in casa, ho freddo e fame": anziana dimenticata dai figli chiede aiuto alla polizia

Irene Pastori

17 Gennaio 2023

Advertisement

Arrivare alla vecchiaia è sicuramente una fortuna, ma l'età che avanza porta inevitabilmente con sé alcuni disagi difficili da gestire, specialmente se si vive da soli: lo sa molto bene un'anziana signora di 92 anni del Texas, Stati Uniti, che di recente ha ricevuto l'aiuto della Polizia, accorsa a seguito della segnalazione di alcuni vicini di casa, i quali hanno spiegato agli agenti che la donna vive da sola, ma molte volte dimentica dove si trova e scende in strada cercando di capire cosa stia succedendo. È sempre da sola e non hanno visto mai nessuno farle visita. Una situazione molto triste.

via Spotlightstories

Advertisement

Bruh my tan line is outrageously insane

Pubblicato da Marquis Hines su Sabato 15 agosto 2020

In questa occasione, una coppia di vicini ha incontrato la novantaduenne nei pressi del loro condomino e - sentendo che aveva le mani congelate -  hanno deciso di ospitarla nella loro abitazione per tenerla al caldo. Subito dopo, hanno chiamato gli agenti per segnalare la sua storia e cercare di capire come poter essere d'aiuto.

Al loro arrivo, la polizia si è offerta di riaccompagnare l'anziana signora presso il suo appartamento: "Siamo passati a controllare e ci ha raccontato di avere due figli che si dimenticano di lei. Non c'era cibo in frigo, solo latte e limonata scaduti. C'era solo un sacchetto di cereali, la casa non era stata pulita di recente. Voleva solo sapere perché i suoi figli non le portano il cibo e non la controllano. Ha detto che le bastavano un paio di panini o qualcosa del genere per non avere fame", ha raccontato l'agente Marquis Hines.

So just wanted to let everyone know the update on Ms. Tina. Her family reached out to me today and sent me the nursing...

Pubblicato da Marquis Hines su Mercoledì 6 maggio 2020

L'agente Hines ha quindi deciso di allontanarsi dall'appartamento della signora, affidandola alla compagnia del suo collega, per poter andare ad acquistare un po' di generi alimentari da donare alla nonnina: "Sono tornato con un grosso pollo da rosticceria, alcuni panini per una settimana o due, alcune zuppe, un po' di patatine e di carne, un po' di acqua. Ho bussato alla sua porta e lei era tutta sorridente e incredula che a qualcuno importasse così tanto di lei da aiutarla", ha spiegato il poliziotto.

Il poliziotto ha poi condiviso la sua storia su Facebook e il post ha immediatamente collezionato migliaia di condivisioni e commenti di solidarietà. "Non sempre il lavoro di poliziotto consiste nel correre e catturare i cattivi. A volte basta mostrare a qualcuno che non è solo per cambiare la sua vita con un sorriso alla volta", ha commentato l'agente Hines. 

Advertisement