"Mi prendevano in giro per la macchia bianca sul mio viso e mi sentivo diverso: col tempo l'ho accettata"

Irene Pastori

27 Ottobre 2022

Advertisement

Essere sicuri del proprio aspetto fisico è molto importante, specie in giovane età, ma a volte ci sono delle condizioni che rendono una persona speciale, fuori dal comune, ma purtroppo spesso e volentieri la stessa tende a sentirsi in difetto a causa degli standard di bellezza volti alla perfezione che la nostra società continua a proporre. 

James McLeod, 40 anni, ha parlato del suo difficile passato di bambino e di ciò che ha fatto per superare le sue paure. Tutto è iniziato quando, all'età di 18 mesi, è comparsa una macchia bianca sul suo viso.

via YouTube - Truly

Advertisement

Preoccupata, la madre lo portò dal medico per capire di cosa si trattasse: gli venne diagnosticata la vitiligine, una condizione che fa diventare bianche alcune parti della pelle a causa della mancanza di pigmento. Con il passare del tempo, la macchia sul viso di James crebbe fino a coprire metà del volto. Da piccolo non ci pensava molto, ma crescendo notò che era diverso dagli altri bambini.

Poiché la madre di James non lo aveva mai trattato in modo diverso a causa del suo aspetto fisico, egli pensava di essere come gli altri, finché la gente non ha iniziato a fargli notare quanto fosse diversa la sua pelle. "Mi sentivo diverso", ha confessato McLeod. Si sentiva fuori posto quando i compagni di scuola lo escludevano dalle attività a causa della macchia bianca sul viso. "Mia madre mi rassicurava sempre dicendo che non c'era nulla di sbagliato in me", ha ricordato McLeod.  

Ad ogni modo, il comportamento dei compagni gli aveva fatto credere di non avere un bell'aspetto, tanto che aveva paura di guardare il suo riflesso. Un giorno McLeod, decise di cambiare vita: aveva solo 7 anni. Si è guardato allo specchio e si è dato "il timbro di approvazione".

Improvvisamente, cominciò a sentirsi bene con se stesso. Si sentiva sicuro nella sua pelle, una sensazione che non aveva mai provato prima. All'epoca non immaginava che migliaia di persone avrebbero iniziato a seguirlo. Dopo quel giorno, andò a scuola e salutò sempre i compagni con un sorriso, che li lasciò confusi. Notando la sua serenità, cominciarono a trattarlo con rispetto.

Advertisement

thatvitiligoguy/Instagram

Crescendo, James si è reso conto che non c'era rappresentanza per le persone affette da vitiligine, così ha deciso di fare qualcosa. Un giorno ha creato un profilo Instagram chiamato "that-vitiligo-guy" e ha iniziato a esprimere i suoi pensieri. All'epoca non immaginava che migliaia di persone avrebbero iniziato a seguirlo. Caricava video per diffondere positività e la gente amava i suoi contenuti. Si è recato anche in diverse scuole e ha ispirato gli studenti ad accettare la propria identità e a essere gentili gli uni con gli altri.

Un cambiamento molto importante il suo, che, speriamo, possa davvero essere un esempio per molte altre persone e un incoraggiamento a piacersi senza temere il giudizio altrui.

Advertisement