x
Bimbo ha dovuto separarsi dal suo cane…
Giovane donna accusata di avere una relazione con un uomo di 40 anni più grande solo per interesse

Bimbo ha dovuto separarsi dal suo cane perché il padre lo maltrattava: dopo 2 anni continua a inviargli lettere

03 Maggio 2022 • di Marta Mastrogiovanni
7.609
Advertisement

Il rapporto che si instaura tra un cane e il suo padrone è sempre molto forte, specialmente se chi si prende cura dell'animale è consapevole che anche un cane merita amore, cure e rispetto. Nel 2020, un bambino di 9 anni ha dovuto rinunciare al suo cane, un cucciolo di nome Simon, perché non era gradito dal padre. Il genitore maltrattava costantemente il cagnolino, tanto che il bambino è stato costretto a darlo ad un rifugio, nella speranza di poterlo rivedere e mantenere "quando sarebbe stato più grande". Se la storia non fosse già commovente così, a distanza di due anni, sappiamo che il bimbo continua a scrivergli delle lettere e a inviargli i suoi pochi risparmi.


Il bambino non poteva sopportare che suo padre maltrattasse Simon, un bellissimo cucciolo dal pelo bianco e dal musetto e dagli occhi marroni, così decise che l'animale avrebbe avuto un futuro migliore in un rifugio. Nonostante fosse il suo cane, ovvero il suo migliore amico a quattro zampe, questo bimbo di 9 anni compì uno dei più grandi atti d'amore che si possano fare verso coloro che amiamo: lasciarli andare. Il bimbo consegnò Simon al Pergatuzoo, un rifugio per animali di Città del Messico.

Il bambino ha dunque affidato Simon al rifugio, lasciando per i volontari una lettera straziante in cui diceva che un giorno sarebbe tornato a prenderlo: "Lascio Simon a voi, è il mio cane. Non voglio che mio padre lo picchi; piange molto perché non c'è cibo per lui (...). Non datelo via, quando sarò più grande tornerò a prenderlo". I volontari del rifugio si sono molto commossi nel leggere quella lettera e hanno voluto esaudire il desidero del piccolo, prendendosi cura di Simon, trovandogli al massimo una casa temporanea, ma senza darlo in adozione.

Advertisement

Nel corso del tempo, i volontari hanno condiviso su Facebook i progressi di Simon e le foto di come cresceva negli anni. L'aspetto più commovente di questa storia è che il bambino ha continuato a scrivere al rifugio e a inviare i suoi pochi risparmi a Simon, anche dopo due anni da quel triste giorno. Dalle foto pubblicate su Facebook, si vedono le lettere e qualche spicciolo che il bambino ha risparmiato per il cibo del suo adorato Simon.

L'amore e la consapevolezza che ha mostrato questo bambino dovrebbero essere condivise da tante altre persone che decidono di aprire le porte della loro casa a un cucciolo. I nostri amici animali, d'altronde, sono parte della nostra famiglia e dovrebbero essere trattati come tali.

Tags: CaniBambiniStorie
Advertisement
Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie