"Aiuto, mia nuora non mi vuole in sala parto!": lo sfogo di una suocera che si sente rifiutata crea il dibattito - GuardaCheVideo.it
x
"Aiuto, mia nuora non mi vuole in sala…
Proprietaria mantiene bassi gli affitti e salva dalla povertà 3000 famiglie che rischiavano lo sfratto

"Aiuto, mia nuora non mi vuole in sala parto!": lo sfogo di una suocera che si sente rifiutata crea il dibattito

29 Aprile 2021 • di Marta Mastrogiovanni
11.060
Advertisement

Dare alla luce un figlio non è di certo una passeggiata, - si tratta di un'esperienza emozionante e gioiosa, ma che, nella pratica, comporta anche molto stress, fatica e dolore. Non stupisce, dunque, che una donna abbia delle legittime preferenze in fatto di chi voglia avere vicino a sé in un momento del genere. È piuttosto comune desiderare la presenza della propria mamma e del proprio partner in sala parto, a testimoniare il fatidico momento, perché si tratta di due persone che ci conoscono profondamente, davanti alle quali non abbiamo timore di mostrarci per come siamo realmente. C'è chi, però, potrebbe prenderla nel verso sbagliato e offendersi per non essere stata "invitata". Una donna, infatti, ha chiesto pubblicamente aiuto perché sua nuora non le permette di assistere al parto. 

via: Slate

Diventare nonna per la prima volta è un'emozione altrettanto unica, ma non giustifica il desiderio egoistico e senza freni, di voler partecipare a tutti i costi al momento del parto. Julia e suo marito Steven stavano per avere il loro primo bambino e la donna, come è normale che sia, aveva esplicitamente richiesto la presenza di sua madre e del proprio marito in sala parto. Non una persona di più! D'altronde, partorire non è mica uno spettacolo a cui tutti possono assistere, giusto? Alla suocera, però, questo atteggiamento non è andato a genio. La donna si è profondamente offesa per il fatto di essere stata considerata come "una nonna di seconda mano", non sufficientemente degna di assistere in diretta alla venuta al mondo del proprio nipote. "Devo ricordarle che sono un'infermiera in pensione con un'esperienza di quasi 40 anni?", ha commentato la suocera indignata e rattristata dalla situazione.

"Credevo di avere un buon rapporto con Julia, ma la sua decisione di oggi mi ha devastato", ha scritto la donna. "Sono rimasta sbalordita e ferita dall'ingiustizia di questa scelta e ho cercato di implorare sia lei che mio figlio, ma Julia insiste dicendo che non si sentirebbe a suo agio con me lì". In effetti, partorire non è esattamente un'azione in cui una donna possa normalmente sentirsi a proprio agio - figuriamoci in presenza della suocera!

Advertisement

Il marito di Julia, Steven, non vuole giustamente turbare la moglie in un momento così delicato e, di conseguenza, ha detto a sua madre di lasciar perdere, rassicurandola anche che avrebbe visto il nipotino subito dopo il parto, il giorno stesso. Ma la donna si è sentita davvero offesa per essere stata bandita dalla sala parto: "È così ingiusto!". Per fortuna, dopo aver dato sfogo a questi suoi pensieri, la suocera di Julia ha ricevuto molte risposte chiarificatrici, che la invitavano a farsi da parte e a vedere la realtà da un'altra prospettiva: "Stai sbagliando! Non si tratta di te! Vedrai tuo nipote il giorno stesso, pochi attimi dopo. Sarai nella vita di tuo nipote per tutto il tempo in cui vivrai. Non ti viene tolto nulla. Non sei stata snobbata. Esci in corridoio e leggi un libro mentre tua nuora partorisce, non derubarla di questo momento di felicità".

Voi che ne pensate, credete abbia fatto bene la nuora a lasciare fuori dalla sala parto la suocera? Fateci sapere cosa ne pensate di questa vicenda e cosa avreste fatto al suo posto!

Tags: DonneBenessereStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie