Grazie all'aiuto del fratello, quest'uomo è stato la prima persona paralizzata a completare la gara di triathlon - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Grazie all'aiuto del fratello, quest'uomo…
Camminare è una medicina naturale: fa bene al cuore, riduce lo stress e ti fa vivere più a lungo Il tuo sogno è avere la pancia piatta? Ecco 5 esercizi infallibili per gli addominali inferiori

Grazie all'aiuto del fratello, quest'uomo è stato la prima persona paralizzata a completare la gara di triathlon

8.333
Advertisement

Il rapporto che si crea tra fratelli è, per chi ne ha, uno dei più belli che una persona può vivere. Un fratello o una sorella, specie se coetanei, sono più di semplici familiari e - allo stesso tempo - più di semplici amici. 

Con loro, nei casi più fortunati, si entra talmente in simbiosi da poter condividere tutto. Allo stesso modo, per loro si farebbe proprio qualsiasi cosa, mettendosi in gioco e sacrificandosi anche nelle situazioni più faticose. 

In questo senso, non si può non citare l'emozionante storia dei gemelli danesi Peder e Steen Mondrup, nati nel 1980. Le immagini delle loro imprese descrivono più di mille parole cosa vuol dire, davvero, amare un fratello.

zzato ha completato il triathlon grazie allo straordinario affetto di suo fratello

via: Huffpost

A causa di una mancanza di ossigeno subita durante il parto, Peder ha una paralisi cerebrale che, tra gli altri problemi, non gli permette di camminare. Per tutta la vita, il giovane è stato su una sedia a rotelle, e la sua quotidianità è stata sempre caratterizzata da rinunce.

Del tutto opposto è il fratello Steen, che non soffre di handicap fisici ed è sempre stato a fianco di Peder, aiutandolo e sostenendolo con tutto se stesso. Proprio così, perché quello che Mondrup sta facendo è dimostrare nella realtà che non esistono limiti fisici se si vuole davvero arrivare a un traguardo.

Così, Steen ha realizzato l'impossibile, scrivendo la storia. Grazie al fratello, infatti, Peder è diventato la prima persona con paralisi cerebrale a completare una gara di triathlon. Precisamente, si tratta della competizione chiamata Ironman, che si svolge a Copenaghen. 

Steen ha impersonato, letteralmente, le gambe e le braccia del fratello. Ha infatti nuotato per quasi 4 km mentre trascinava Peder su una zattera gonfiabile, per poi trascinare, fuori dall'acqua, la sua sedia a rotelle da corsa con la bici. Alla fine, dopo aver spinto Peder per circa 42 km, Steen ha corso col fratello fino al traguardo. Il tutto nel tempo record di 15 ore, 42 minuti e 38 secondi.

Advertisement

Una storia bellissima, che è molto più di un semplice gesto d'affetto. Steen e Peder sono diventati una cosa sola, un esempio e un modello da seguire per tutti coloro che, demoralizzati e delusi dalle avversità della vita, credono che non ci sia più nulla da fare. Non è così: con la forza di volontà e sostenuti dalle persone giuste, praticamente tutto diventa possibile!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie