Reflusso gastroesofageo: tutto quello che c'è da sapere per tenerlo sotto controllo - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Reflusso gastroesofageo: tutto quello…
Infelici per sempre: ecco perché alcune coppie Questa antica tecnica cinese abbassa la pressione sanguigna in 5 minuti senza ricorrere ai farmaci

Reflusso gastroesofageo: tutto quello che c'è da sapere per tenerlo sotto controllo

11.215
Advertisement

La classica acidità di stomaco è un disturbo purtroppo sempre più diffuso, praticamene endemico della società moderna. Gli stili di vita e i regimi alimentari di oggi favoriscono l’insorgere della condizione clinica che viene denominata “reflusso gastroesofageo”. In pratica si tratta di una disfunzione dello sfintere esofageo inferiore, il quale agisce in maniera troppo debole e causa la risalita dei succhi gastrici dall'esofago allo stomaco.

La soluzione più tradizionale e scontata è quella di utilizzare dei farmaci concepiti appositamente per inibire il ritorno gastrico o alleviare le sensazioni spiacevoli che ne conseguono, cioè dolore e bruciore. Molti soggetti sono sicuramente più predisposti di altri a contrarre questi problemi, tuttavia è anche vero che le quotidiane abitudini e la presenza di altre patologie possono essere fattori di maggior rischio. Tra le principali cause o concause del reflusso vanno citate: fumo, asma, diabete, ansia, gravidanza, ernia iatale, obesità, disordini alimentari.

immagine: army.mil

La sintomatologia rivelatrice del disturbo comprende invece effetti quali: dolore al petto o alla bocca dello stomaco, eccessiva salivazione, alitosi, mal di gola, tosse secca, difficoltà nella deglutizione. Nelle forme più lievi e non croniche di reflusso, può essere utile se non addirittura risolutivo adottare delle strategie non farmacologiche. Nello specifico può funzionare egregiamente il mantenere un peso corporeo idoneo, il mangiare sano e con regolarità, evitare abiti troppo stretti, non assumere bevande o cibi “reflussanti” (caffè, peperoncino, bibite gassate, formaggi grassi, alcol, cioccolato, fritture, cipolle, pomodori).

Advertisement
immagine: Pixabay

Oltre a ciò che si mangia è importante anche il “come” lo si mangia, quindi niente abbuffate frettolose ma piccoli pasti consumati con calma. Dopo mangiato, sia a pranzo che a cena, si consiglia di non sdraiarsi per almeno 2 o 3 ore, per consentire prima una piena digestione. La posizione supina favorisce il ritorno gastrico nell’esofago. Sollevare i cuscini o la testiera del letto può essere d’aiuto e per finire si possono assumere sostanze naturali che fungono da ottimi lenitivi e digestivi. Nello specifico vanno bene le mandorle (per riequilibrare il PH dello stomaco), la camomilla, il succo di aloe, la curcuma e il tè allo zenzero.

Tags: UtiliSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie