Sei costretto a relazionarti ad una persona che ti sta antipatica? Ecco 5 modi intelligenti per gestirla - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Sei costretto a relazionarti ad una…
Le critiche degli altri, quando sono gratuite, vanno semplicemente ignorate L'ingrediente indispensabile per far durare ogni tipo di relazione è la fiducia

Sei costretto a relazionarti ad una persona che ti sta antipatica? Ecco 5 modi intelligenti per gestirla

26 Gennaio 2019 • di sara perazzo
5.813
Advertisement

Avere a che fare con persone che non ci piacciono è inevitabile. Allora impariamo a relazionarci con esse in modo intelligente. Non tutti possono piacerci e questo succede perché non la pensiamo allo stesso modo, mentre altre volte è una questione di chimica e di pelle.

Se non possiamo fare a meno di relazionarci con le persone che non ci piacciono, come fare? Normalmente, si preferisce evitare di affrontare tali individui, troviamo scuse per non incontrarli e quando siamo costretti a farlo, lo percepiamo come una scocciatura, a cui adempiamo di malavoglia. Questo, però, non è l’atteggiamento giusto perché crea insoddisfazione e conflitti nella relazione.

Ci sono modi più intelligenti per trattare le persone che non ci piacciono. Metti in atto questi 5 comportamenti ogni volta che devi incontrarle.

immagine: pxhere

 1. Evita di guardarle negli occhi. Mantenere un atteggiamento il più gentile possibile con quelli che non ti piacciono non significa che devi essere entusiasta, nel tentativo disperato di fartele apparire simpatiche. Non è necessario relazionarsi come fossero persone amabili che ti piacciono. Ad esempio, puoi non guardarle negli occhi. Cerca di mettere dei limiti e, quando è inevitabile, parlargli senza arroganza ma anche senza esagerate buone maniere.

2. Non cercare di sembrare simpatico. Un modo intelligente per relazionarci con persone che non ci piacciono è essere naturali. Non esagerare con la simpatia per evitare che quelle persone si accorgano della nostra avversione. Non fingere, perché simulare una simpatia che in realtà non c’è è molto evidente. È preferibile mantenere una conversazione superficiale, senza dare più informazioni del necessario e terminare il dialogo il prima possibile.

3. Mantieni l’educazione e le buone maniere. Abbiamo detto che non è necessario fingere simpatia se non c’è. È però importante mantenere sempre l’educazione e le buone maniere. Non c’è bisogno di essere sgarbati, poco gentili e aggressivi. Trattare le persone che non ti piacciono con le buone maniere eviterà conflitti e discussioni e non avrai motivo di doverti relazionare più del necessario.

4. Metti in atto una comunicazione alternativa. Oggi con la tecnologia non è necessario dialogare di persona con tutti. Se devi parlare con una persona che non ti piace usa canali alternativi come chat, social, email. Si tratta di strumenti molto utili perché nella comunicazione scritta è più facile mantenere la calma, avere tempo per pensare alle risposte senza far trasparire la propria avversione.

5. Concentrati su te stesso. Non permettere alle persone che non ti piacciono di complicarti la vita. Meglio ignorarle. Se continui a pensare come affrontare una persona che non ti piace, le stai dando già troppe delle tue attenzioni. Concentrati su te stesso, vai avanti sulla tua strada e cresci come persona.

Ricorda: a meno che la persona in questione non faccia parte di un ambiente che frequenti sistematicamente, spesso essere diplomatici è la scelta più conveniente.

immagine: Sarah-Rose/Flickr
Tags: UtiliPsicologia
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie