Non può coprire un turno di lavoro per motivi familiari e il capo le risponde male: lei si dimette

Irene Pastori

03 Gennaio 2023

Non può coprire un turno di lavoro per motivi familiari e il capo le risponde male: lei si dimette
Advertisement

Il lavoro è sicuramente una parte fondamentale nella vita di una persona, ma fino a che punto è giusto "incassare i colpi" delle ingiustizie inflitte dai propri superiori? È certamente questa la domanda che si è posta una giovane mamma di 21 anni che ha scelto di licenziarsi dal suo posto di lavoro dopo due anni di servizio, a causa di un comportamento scorretto messo in atto dal suo capo. L'uomo le aveva chiesto di lavorare nel suo giorno libero per coprire un turno, ma la giovane ha rifiutato, ricevendo una risposta molto piccata. Ma vediamo nei dettagli.

via Reddit

Advertisement

Pexels - Not the Actual Photo

La giovane si è sfogata su Reddit dopo essersi dimessa dopo due anni di servizio. Il motivo? Un'accesa discussione con il suo capo. La ragazza ha spiegato che lo spiacevole episodio è avvenuto di mercoledì, il suo giorno di riposo settimanale: "Ho ricevuto una telefonata del mio capo alle 9:00 per sapere se potevo coprire il turno di sua cognata perché non si sentiva bene. Normalmente non ho problemi ad andare al lavoro nel mio giorno di riposo per coprire i miei colleghi, ma questo è successo 30 minuti prima che il negozio aprisse e sarei dovuta essere lì già alle 9:00 per preparare il locale" ha spiegato la ragazza, la quale si è rifiutata di andare. "Ho detto di no perché non avrei avuto il tempo di portare mio figlio di 3 anni all'asilo e perché dovevo andare a trovare mia madre in ospedale" ha concluso, spiegando la situazione.

Il capo, però, non l'ha presa bene: "Beh, onestamente non è un mio problema, non voglio che la prossima volta che non puoi lavorare tu possa usare di nuovo questa scusa". La ragazza ha proseguito la sua giornata visitando la madre e accompagnando il figlio al nido, quando verso le 10.00 del mattino ha notato che la cognata del capo aveva pubblicato su Facebook una foto di lei con sua sorella, il capo e i loro figli con la didascalia "colazione in famiglia".

Pexels - Not the Actual Photo

"Ho inviato un messaggio al mio capo dicendo che so che il breve ricovero di mia madre non è un suo problema, ma che cercare di farmi coprire il turno di sua cognata solo per permetterle di uscire a fare colazione non era il modo giusto per convincermi a venire al lavoro nel mio giorno libero. Ha provato a mentire dicendo che non erano usciti, così gli ho mandato la foto e gli ho detto che non sarei più tornata al lavoro. Ora ricevo messaggi dai miei vecchi colleghi, da sua moglie e da sua cognata che mi dicono che sarei potuta semplicemente andare a trovare mia madre un altro giorno e che ho ingigantito la cosa senza motivo", ha concluso la ragazza.

Gli utenti si sono schierati completamente dalla sua parte: "Si può lasciare il lavoro per qualsiasi motivo, ma soprattutto per il fatto che il proprio capo è un ignobile manipolatore. Se puoi permetterti di farlo, fallo notare ogni volta e lascia il lavoro senza rimpianti", ha commentato un giovane.

Voi che ne pensate?

Advertisement