Nonna si rifiuta di trasformare una stanza di casa sua in uno spazio per suo nipote

di Irene Pastori

23 Agosto 2022

Nonna si rifiuta di trasformare una stanza di casa sua in uno spazio per suo nipote
Advertisement

L'arrivo del primo nipotino è una gioia immensa per ogni nonno: l'amore verso il bambino che nascerà è smisurato e si è disposti a tutto pur di renderlo felice. Ma fino a che punto un nonno "deve" essere a disposizione dei nipoti? Questa è l'esatta domanda che una donna ha esposto al web dopo aver avuto una discussione con sua figlia maggiore e suo marito: i due stanno per avere un bebè e hanno chiesto alla donna di "sacrificare" la stanza di uno dei due fratelli minori della ragazza per trasformarla in cameretta per le visite del nipotino, con culla, fasciatoio e tutti gli accessori per neonati, ovvero una cosiddetta "nursery".

via Reddit

Advertisement
Pexels - Not the Actual Photo

Pexels - Not the Actual Photo

"Mia figlia Avery di 24 anni e suo marito Tom, 29, aspettano il loro primo figlio insieme. Sono entrambi molto felici e stanno facendo tante cose in poco tempo. Poiché ultimamente sono stati molto impegnati, non li abbiamo visti per due mesi", ha raccontato la futura nonna. "Ieri sono venuti a trovarmi a casa per parlare soprattutto del bambino. Tom mi ha chiesto se avessi già svuotato una delle stanze per trasformarla in una nursery, io ero confusa dalla sua domanda e gli ho chiesto perché. Mi ha risposto che si aspettava che lo facessi, perché ogni nonna che si rispetti prepara una nursery a casa sua appositamente per accogliere il nipote come nuovo membro della famiglia".

Il genero ha continuato a fare esempi di quanto sia comune questa tradizione. "Ho chiesto se sua madre può prepararne uno per suo nipote e lui si è messo a ridere dicendo che ne ha già preparata una che ha pagato lei stessa. Devo dire che la famiglia di Tom è benestante, a differenza di noi, che non abbiamo una stanza disponibile o i soldi per permetterci una cosa del genereha raccontato la futura nonna. Tom ha insistito sul fatto che si trattava di un gesto che avrebbe dimostrato l'affetto della nonna verso il nipotino in arrivo e anche Avery è stata d'accordo con lui.

Advertisement
Pexels - Not the Actual Photo

Pexels - Not the Actual Photo

"Ho detto a Tom che non ho lo spazio o i soldi per farlo, ma lui ha obiettato che non farlo influirà sul numero di visite che riceverò rispetto a sua madre, che invece è preparata e attenta alle esigenze del nipote. Avery mi ha detto di cercare di spostare mio figlio di 16 anni nella stanza insieme a suo fratello di 14 anni. Ho detto che no, i ragazzi sono abbastanza grandi per avere una stanza tutta loro, ma Tom si è intromesso dicendo che possono dividere la stanza visto che sono ragazzi, ma io non ero convinta. Avery non ha gradito e l'ha interpretata come se non mi importasse del suo bambino e non volessi fare nulla per lui, ma non è affatto vero", ha proseguito la donna.

Tom si è offerto di pagare per l'arredamento e l'allestimento della nursery, ma la futura nonna ha declinato la proposta. Così hanno cominciato a discutere fino a litigare. Tom ha accusato la suocera di rifiutarsi di trovare un compromesso ed è andato via con la moglie. "Avery deve aver chiamato mio marito perché quando è tornato a casa mi ha sgridato dicendo che non era questo il modo di trattare mia figlia e il nostro nipotino, gli ho raccontato la storia e lui mi ha accusato di favorire i ragazzi rispetto ad Avery, come faccio sempre, ma questa volta non credo che la sua richiesta sia in alcun modo ragionevole", ha concluso la futura nonna, chiedendo consiglio su cosa dovrebbe fare.

Gli utenti le hanno dato pienamente ragione: "Due adolescenti dovranno condividere una stanza nella propria casa in modo che un bambino possa avere la sua stanza in una casa in cui non vive? E sospenderanno le visite a meno che tu non lo faccia? I ricchi hanno qualche rotella fuori posto", ha commentato un utente. Voi che ne pensate?

Advertisement