x
Vieta alla famiglia di prendere il bambino…
Corriere salva una donna anziana con demenza dopo che si è allontanata da casa Il cognato la mette in imbarazzo con un commento sui suoi peli delle gambe: lei lo mette a tacere

Vieta alla famiglia di prendere il bambino in braccio prima di sua moglie

19 Giugno 2022 • di Irene Pastori
7.346
Advertisement

Qualsiasi cosa, anche la più piccola, può scatenare un conflitto familiare. Ad esempio, i matrimoni e l'arrivo di un bambino sono particolarmente predisposti alle liti in famiglia. Uno di questi conflitti è capitato a un neo-papà che ha condiviso la storia su un post di Reddit per chiedere consiglio al web.

Secondo il racconto, la moglie dell'autore ha dato alla luce il loro figlio nel novembre 2019. La donna ha avuto una gravidanza molto complicata e alla fine ha avuto bisogno di sottoporsi a un parto cesareo.

via: Reddit

"Io e mia moglie ne avevamo parlato per un po' e lei aveva ammesso di odiare il pensiero che sarebbe stata l'ultima a tenere in braccio nostro figlio. Così, quando è nato e lei era ancora incosciente, non ho permesso a nessuno delle nostre famiglie di tenerlo in braccio, né di incontrarlo", ha spiegato il neo-papà.

La donna è rimasta incosciente per quattro giorni, ma fortunatamente si è ripresa ed è stata in grado di conoscere e tenere in braccio il suo bambino. Dopo circa un giorno, l'uomo ha permesso che tutti gli altri potessero incontrare e coccolare per la prima volta il nuovo arrivato. "Le nostre famiglie erano perplesse, ma non c'è stato nulla di veramente sconvolgente, a parte mia madre e mia sorella che erano un po' preoccupate per il fatto che non avevano mai visto nostro figlio", ha proseguito l'uomo.

Pochi mesi dopo, però, la neomamma ha pubblicato su Facebook alcune foto di lei che teneva in braccio il bambino per la prima volta e ha parlato di quanto fosse stato traumatico il parto per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle eventuali complicanze di una gravidanza, sottolineando in sostanza quanto fosse grata che entrambi stessero bene. 

"Mia madre e mia sorella hanno iniziato a comportarsi come bambine. Dicevano che non era giusto e che le avevamo private di quei primi giorni con il loro nipote", ha spiegato l'uomo. "Ho detto loro che molte persone incontrano i nipoti giorni o addirittura settimane o mesi dopo la nascita. Tuttavia, loro mi hanno detto che sono stato egoista e che non avrei dovuto farlo solo perché mia moglie non poteva incontrare o tenere in braccio il nostro bambino".

Inoltre, qualcun altro gli ha suggerito di aver privato il bambino di una maggiore interazione fin dalla nascita e che avrebbe dovuto pensare a lui piuttosto che ai sentimenti della moglie sull'intera faccenda, per questo ha chiesto consiglio agli utenti del web per capire se ha fatto male a comportarsi così.

La community lo ha sostenuto all'unanimità, spiegando di aver compiuto la scelta giusta. "Come hai sottolineato nei commenti con gli altri utenti, hai tenuto tu il bambino per i primi 4 giorni. "Con "più interazione" si intende semplicemente "più membri della famiglia a caso avrebbero dovuto passare il bambino", non "perché hai fatto piangere quel povero bambino nella culla tutto solo?". Supponendo che volessero solo giocare a "passa il bambino", sono fuori di testa", ha scritto un'utente. "Inoltre, è nato nel novembre 2019: pochissime settimane dopo si è scatenata la pandemia di COVID, come possono pensare di avere una base su cui reggersi? Il mio bambino è nato all'inizio della pandemia. Solo metà della famiglia lo ha visto di persona da lontano, e solo tre di loro lo hanno tenuto in braccio nel suo primo anno di vita", ha concluso.

E voi che ne pensate?

Tags: ViraleFamigliaStorie
Advertisement
Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie