Quando diventiamo mamme, non dormiamo più come prima e siamo sempre in modalità "allerta" - GuardaCheVideo.it
x
Quando diventiamo mamme, non dormiamo…
Bimbo di 10 anni rimane da solo in casa con la mamma e la fa partorire: non c'era nessuno che poteva aiutarli Che orrore: 15 tentativi decisamente fallimentari di preparare torte

Quando diventiamo mamme, non dormiamo più come prima e siamo sempre in modalità "allerta"

12 Novembre 2021 • di Simone Fabriziani
2.764
Advertisement

Diventare genitori non è mai un'impresa semplice, soprattutto quando bisogna regolare i propri nuovi ritmi giornalieri. Quando arriva una nuova vita in casa, mamma e papà sono sempre pronti a sconvolgere la loro quotidianità pur di non far mancare nulla ai bisogni del neonato, che dipende totalmente dai suoi genitori. Se siete stati madri o padri almeno una volta, non potrete non affermare che prendersi cura di un neonato significa non soltanto dormire di meno, ma soprattutto stare sempre all'erta, anche di notte.

Queste sono le parole di Lucy Ortega, una neo-mamma che ha voluto raccontare a parole sue la sua esperienza con il piccolo appena nato e come, i primi tempi, si dorma sempre in modalità "allerta". Ecco le sue toccanti parole: "Non era mai stata una persona mattiniera o con il sonno leggero. In effetti, nella mia famiglia abbiamo una specie di scherzo interno in cui dicono che sono una combinazione di Bella e Aurora, le due principesse Disney. La prima, perché amo leggere, e la seconda perché fin da piccola amo dormire e per svegliarmi per andare a scuola ci voleva quasi un'intera orchestra. Tuttavia, tutto è cambiato quando sono diventata madre e sono passata da un estremo all'altro.

Chi ha avuto un neonato in casa sa che il riposo è qualcosa che risalta per la sua assenza. Con i continui risvegli notturni , l'alimentazione del bambino e il nuovo ritmo di vita a cui ci adattiamo gradualmente, riuscire a dormire una notte intera sembra un sogno lontano e quasi senza rendertene conto, sei diventata una mamma completa. Si stima, infatti, che nel primo anno di vita i genitori perdano più di 700 ore di sonno; lavoriamo praticamente in automatico.

immagine: Daryag/Wikimedia

Questa mancanza di riposo non è solo dovuta al fatto che il bambino ci sveglia perché ha bisogno di noi, c'è qualcosa in noi che è cambiato. Questo in realtà accade sin dalla gravidanza , dove iniziamo a svegliarci frequentemente durante la notte, soprattutto durante il terzo trimestre. Questo è un meccanismo totalmente naturale, la cui funzione è garantire la sopravvivenza del bambino attraverso l'alimentazione e le cure che dobbiamo fornire. Forse stiamo dormendo, ma il nostro cervello è sempre sveglio. La spiegazione è che il corpo si sta preparando per l'allattamento al seno e, in qualche modo, il nostro cervello ci sta preparando per il momento in cui nascerà il bambino. Siamo passate dall'avere un riposo "normale" all'essere in modalità di allerta.

Pertanto, ora anche il minimo rumore o movimento ci sveglia facilmente: siamo in costante allarme. Abbiamo gli occhi chiusi ma il resto dei nostri sensi, come l'udito quando ascoltiamo il pianto del bambino, sono sempre vigili per poter agire secondo necessità. C'è chi scherza sul fatto che le madri fanno parte di un esperimento scientifico, che cerca di dimostrare che gli esseri umani sono capaci di sopravvivere senza dormire. Dormiamo, che anche noi stesse a volte ci chiediamo come sia possibile che riusciamo a funzionare con così poco riposo. Torneremo mai a dormire come prima? Così come prima non avevamo figli, la realtà è che non lo faremo. Allo stesso modo in cui non siamo più la stessa donna che eravamo prima di avere figli , anche i nostri schemi di sonno non saranno più gli stessi.

Oltre al carico mentale, al lavoro invisibile e alla lista infinita di cose da fare che ci invadono poco prima di andare a dormire, negli anni ci saranno tante altre cose che ogni tanto ci toglieranno il sonno, perché come mamme abbiamo nuove paure che non sapevamo di avere. Ma quando si tratta di ore di riposo, vi prometto che la situazione alla fine migliorerà e penserete a quelle notti insonni come a un ricordo molto, molto lontano."

Care mamme, vi ritrovate in quello che ha raccontato Lucy?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie