Un bimbo di due anni muove i suoi primi passi con le protesi: il campione paralimpico lo incoraggia - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un bimbo di due anni muove i suoi primi…
17 persone con un look mal riuscito hanno un urgente bisogno delle mani di professionisti Si commuove mentre suona una canzone per suo padre: erano giorni che aspettava tornasse dall'ospedale

Un bimbo di due anni muove i suoi primi passi con le protesi: il campione paralimpico lo incoraggia

08 Gennaio 2021 • di Irene Grazia Paladino
2.471
Advertisement

Blake Leeper è un atleta paralimpico degli Stati Uniti: ha vinto 8 volte la medaglia internazionale di atletica leggera paralimpica, ha stabilito tre volte record americani e detiene il record mondiale in atletica leggera. È un campione nel suo sport, nonostante sia nato senza gambe al di sotto del ginocchio e abbia indossato le sue prime protesi all’età di 9 mesi. Ma, oltre ad essere un campione per professione, Blake si è dimostrato anche una persona dal cuore immenso.

via: abc news
immagine: leepster/instagram

Si trovava all’ospedale di Oklahoma City per farsi montare alcune nuove protesi e, durante la sua permanenza, ha notato un bambino di 2 anni che stava provando per la prima volta la sua nuova gamba protesica. Leeper ha lasciato immediatamente quello che stava facendo per andare dal bimbo, di nome KJ Dyer, per offrirgli il suo sostegno e incoraggiamento.

immagine: leepster/instagram

Blake incita il bimbo a divertirsi mentre muove i suoi primi nuovi passi. Anche lui ha attraversato la stessa situazione del bimbo e non poteva permettere che questo suo primo grande passo venisse fatto da solo. Nel video pubblicato su Instagram scrive “questa è la mia motivazione. Prometto di continuare a lottare e lottare così il giovane KJ avrà tutte le opportunità per competere ai massimi livelli!"

Advertisement
immagine: leepster/instagram

Una volta tornato a casa, la mamma racconta che KJ si sta abituando alle sue nuove gambe e sostiene che il campione incontrato casualmente in ospedale sia stato una grandissima fonte di ispirazione sia per il bimbo sia per i genitori.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie