Alcuni pratici consigli per gestire un bambino molto irascibile o aggressivo - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Alcuni pratici consigli per gestire…
La Sindrome di Down non ha fermato i sogni della piccola Francesca: a 4 anni è già una reginetta della moda Una cagnolina viene abbandonata in un parcheggio: ha ululato per 3 giorni sperando che tornassero a prenderla

Alcuni pratici consigli per gestire un bambino molto irascibile o aggressivo

04 Luglio 2020 • di Simone Fabriziani
997
Advertisement

Inutile pensare che esistano emozioni positive ed emozioni negative; solitamente non facciamo altro che mettere in primo piano e risaltare tutto ciò che è positivo per noi e ci rende felici, surclassando in secondo piano tutto ciò che è brutto, triste, negativo. In poche parole: le emozioni negative non devono essere mostrate. Eppure la psicologia moderna ci dice che tutte le emozioni, di qualunque tipologia, devono essere semplicemente gestite, non nascoste.

immagine: Wikimedia

Una problematica che viene affrontata tutti i giorni dalle mamme e dai papà nei confronti di figli tendenzialmente piuttosto irascibili: cosa fare se nostro figlio spesso si arrabbia, ha scatti d'ira, prova emozioni contrastanti e cosiddette "negative"? Il fatto è che la rabbia è un'emozione primaria che in alcuni casi può salvarci la vita. L'abbiamo sperimentato tutti e ad esempio in un bambino di 1 anno è normale. È la sensazione che proviamo quando qualcuno ci offende, quando ci sentiamo frustrati, ignorati, respinti, minacciati o quando c'è una perdita. 

La rabbia si verifica spesso nei bambini piccoli in queste forme: non dormire bene, avere fame, non sentirsi bene, non essere a proprio agio con persone estranee alla mamma e al papà; i piccoli principalmente hanno problemi a canalizzare le proprie emozioni, in quanto riescono a malapena a conoscerle, quindi le canalizzeranno nel modo sbagliato: l'aggressività.

immagine: Wikimedia

E allora, care mamme e cari papà, cosa fare per insegnare al nostro piccolo di casa a gestire e comprendere le proprie emozioni negative? La chiave sta nel cercare di capire che la risposta alla loro irascibilità non è nella reazione violenta o in altra rabbia: in questi casi, il genitore deve esser sempre pronto a fare in modo che le cose non peggiorino. Respirate piano e cercate di calmarvi, dopodiché provate a mettere in atto una di queste azioni: allontanatevi dal luogo in cui vostro figlio sta piangendo o sta scattando d'ira, oppure cercate di abbracciarlo, o semplicemente invitatelo a fare un'attività con voi che lo rilassi.

In questo modo gli insegnerete che anche la rabbia può essere incanalata in maniera corretta e quando crescerà, vedrete che potrà farcela da solo.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie