Una cagnolina abbandonata ha aspettato per giorni il ritorno della sua famiglia rannicchiata su una coperta - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una cagnolina abbandonata ha aspettato…
Non siamo mai troppo grandi per aver bisogno della nostra mamma Frittelle di mele: i semplici passi per prepararle al forno con 3 ingredienti e poco tempo

Una cagnolina abbandonata ha aspettato per giorni il ritorno della sua famiglia rannicchiata su una coperta

26 Maggio 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
2.398
Advertisement

Nonostante da lungo tempo ci sia in tutto il mondo una forte sensibilizzazione sul tema, quello degli animali abbandonati continua a essere un problema grave e presente.

Non capita raramente di leggere e raccontare storie che ci raccontano di episodi del genere, gesti crudeli e senza cuore che nessuno dovrebbe mai fare. Un cane, infatti, riesce ad affezionarsi alla sua famiglia umana in un modo così meraviglioso e incondizionato che condannarlo a pericoli, solitudine e tristezza è a dir poco egoista e malvagio. Questa, purtroppo, è stata anche la sorte toccata a Camilla, la cagnolina protagonista della nostra storia. Una vicenda triste, ma che fortunatamente per lei si è conclusa bene.

Le "motivazioni" che spingono la gente all'abbandono di un cane possono essere diverse: nessuna di loro, però, è una giustificazione valida, in quanto esistono moltissimi modi sicuri e umani per distaccarsi dal proprio amico a quattro zampe. Nel caso di Camilla, i suoi proprietari in realtà non l'hanno mai amata a dovere. Le condizioni in cui veniva tenuta non erano delle migliori e, in occasione del trasloco dei suoi proprietari, per la cagnolina è iniziata un'esperienza che nessun cane dovrebbe mai vivere.

In mezzo a pile di spazzatura e oggetti di scarto, senza cibo né acqua, la povera cagnolina è stata abbandonata in strada, proprio davanti alla casa lasciata dai proprietari prima del trasferimento. Tutto ciò che le era rimasto per ripararsi era la sua coperta. L'episodio è avvenuto in occasione del Capodanno, un momento non certo semplice per i cani, spaventati dai rumori forti prodotti dai fuochi d'artificio, e in cui hanno bisogno del conforto delle loro famiglie.

Camilla, spaventata e sola, è rimasta sulla sua coperta, aspettando fedelmente che i suoi proprietari tornassero. Ciò, tuttavia, non è mai avvenuto. Per fortuna, la scena è stata notata dalla gente del posto e da Marina Tarashevska, che lavora presso un'organizzazione locale che si dedica al salvataggio degli animali abbandonati, la Dallas DogRRR.

Portare con sé Camilla, tuttavia, non è stato facile. La poverina era riluttante ad andarsene senza aver rivisto la sua ex-famiglia, e probabilmente avrebbe aspettato ancora per molto tempo. Insieme alla sua collega Patti Dawson, però, Maria è riuscita a convincere la cagnolina a seguirla. Rannicchiata sulla coperta, tremante per il freddo, la paura e l'umidità, Camilla si è convinta che era giunto il momento di muoversi da lì.

Advertisement

La piccola aveva anche delle ferite al collo che, secondo il veterinario che poi l'ha visitata, potrebbero essere il risultato di una rissa con un altro cane. La sua fiducia negli esseri umani, nonostante la brutta esperienza, è in via di recupero. Ora la cagnolina si trova in una struttura in cui riceve l'affetto e le cure che merita, in attesa che trovi una famiglia definitiva. Non resta che augurarsi che sempre meno animali indifesi possano vivere situazioni come questa, e che per Camilla possa presto cominciare una nuova vita.

Tags: CaniEmozionantiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie