Rabbia e tristezza fanno aumentare concentrazione e creatività: lo rivela uno studio - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Rabbia e tristezza fanno aumentare concentrazione…
Il gelo aveva lasciato questo gatto invalido: ora è il primo al mondo ad avere quattro zampe bioniche Questa anziana signora usa un asciugacapelli come autovelox per rallentare le auto troppo veloci

Rabbia e tristezza fanno aumentare concentrazione e creatività: lo rivela uno studio

887
Advertisement

Joseph Paul Forgas, coordinatore responsabile dello studio condotto presso l’Università del New South Wales a Sydney, in Australia, afferma che sussiste uno stretto legame tra cattivo umore e intelligenza.

L’indagine svolta dai ricercatori dell’Ateneo australiano ha infatti rilevato una connessione tra emozioni negative come sconforto o collera, e il livello cognitivo di un individuo. Gli effetti di queste condizioni psicologiche danno un temporaneo sprint incrementando le performance.

immagine: Unsplash

Non è un mistero che professionisti nel campo musicale, letterario o della pittura siano molto più prolifici e creativi quando sono meno felici. Un acceso diverbio, una delusione d’amore, un dramma personale: sono tutti eventi che attivano qualcosa di profondo e che in qualche modo stimolano il cervello a produrre di più e meglio. I test effettuati dal gruppo di scienziati hanno fatto emergere dati molto interessanti su diversi aspetti delle capacità mentali. Rabbia o tristezza hanno avuto influenza positiva sulla memoria, sull’attenzione, sulle capacità decisionale e di giudizio, sulla motivazione, sulla comunicazione e sull’imparzialità.

Nei momenti in cui si viene messi alla prova è come se si fosse focalizzati al 100%. Tutte le distrazioni, le futilità, il caos esterno o interiore che normalmente inquinano scelte e riflessioni scompaiono del tutto. Il pensiero si fa più chiaro, i meccanismi di ragionamento più rapidi ed efficienti, si è presenti al momento e capaci di maggiori prestazioni.

Con ciò non si vuole suggerire di restare sempre depressi o arrabbiati solo per essere più acuti, ma il discorso la dice lunga sulle dinamiche di funzionamento dei processi cognitivi. Alla luce di questo studio, si potrebbe ad esempio sfruttare un momento di crisi per riconsiderare le proprie priorità, contando sul fatto che di sicuro si sarà più lucidi e in contatto con il proprio “io”. Da ora tristezza o rabbia potrebbero non essere più viste come condizioni fuorvianti ma anzi come opportunità per indirizzare meglio le proprie energie e capire ciò che si vuole davvero dalla vita.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie