Un cane viveva crudelmente legato e abbandonato: il gesto dell'uomo dà una lezione a tutti noi - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un cane viveva crudelmente legato e…
“Basta Smartphone, prestate attenzione ai vostri figli”: il richiamo all'ordine di questo asilo fa il giro del mondo Dedicato alla migliore amica che vive lontana da te, ma che ti capisce meglio degli amici che vedi ogni giorno

Un cane viveva crudelmente legato e abbandonato: il gesto dell'uomo dà una lezione a tutti noi

2.952
Advertisement

Esiste un’espressione gergale molto comune che fortunatamente sta scomparendo sia dal linguaggio che dal modo di fare: la frase in questione è “trattato come un cane”. Il senso è palesemente spregiativo, come se fosse quasi normale o lecito adottare comportamenti abusanti contro gli animali. Eppure è difficile anche solo concepire di fare del male a creature innocenti, pure, capaci di incarnare solo i sentimenti più nobili dell'essere umano.

Recentemente alcune immagini pubblicate sul web hanno fatto il giro del mondo, riassumendo nello stesso episodio la parte peggiore, e per buona sorte, anche quella migliore degli esseri umani e del loro rapporto con gli amici a 4 zampe. La scena in questione ritrae un cane crudelmente legato davanti all’accesso di un’abitazione, lasciato solo, senza ne cibo ne acqua, condannato al solo ruolo di guardiano, usato, e come detto all’inizio appunto “trattato come un cane”.

Nel filmato si vede un uomo accorrere in suo aiuto, dandogli da mangiare e liberandolo. È da subito visibile la felicità del cucciolo nel vedere qualcuno accorgersi di lui, dargli un po’ di attenzione e di affetto, le uniche cosa che questi straordinari compagni chiedono in cambio di un amore immenso. Quando un cane stringe un patto di affetto e di fedeltà con una persona è per la vita e non smette nemmeno quando è l’individuo a tradirlo per primo.

Non esistono cani buoni e cattivi, ci sono soltanto proprietari violenti o negligenti. Un animale domestico che viene tenuto chiuso in gabbia o attaccato ad una catena subisce traumi che cambiano il suo comportamento. Ci sono alcuni esemplari che diventano aggressivi perché spaventati, altri si lasciano andare divenendo tristi e depressi.

Vivere con un animale domestico è una responsabilità, bisogna averne cura, e non basta una ciotola di cibo e dell’acqua. I cani in particolare sono esseri socievoli e sociali, hanno bisogno di interazione costante e contatto con il proprio umano, perché soltanto così sentono di essere completi e di avere uno scopo. Al contempo devono potersi sentire liberi, non costretti da una corda ma legati da un vincolo invisibile che non si può spezzare e che li porta sempre a ritornare tra le braccia di chi li ama.

Nel lessico comune si tende sempre meno a usare termini come “padrone” o “proprietario”, usando affettuosamente quelli di “papà” o “mamma”. Questa tendenza in realtà serve solo per aiutare le persone a mutare il proprio atteggiamento perché in fondo ad un cane poco importano questi dettagli, ciò che conta è che li si ami veramente.

Tags: CaniEmozionantiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie