La relazione tossica con un famigliare può davvero rovinarti la vita - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La relazione tossica con un famigliare…
Circondati di persone che sappiano comprendere, non solo criticare Darsi arie di superiorità è una caratteristica tipica delle persone insicure

La relazione tossica con un famigliare può davvero rovinarti la vita

6.642
Advertisement

Si sa che i parenti non si scelgono, ma ci si deve imparare a convivere – o almeno si dovrebbe cercare di farlo. In effetti, non di rado succede che si sviluppino relazioni tossiche all'interno della famiglia, di cui non è facile liberarsi semplicemente, come si farebbe con un conoscente, e soprattutto fintantoché non si è adulti.

Tuttavia, è importante imparare a distinguere anche in ambito familiare quali siano i rapporti tossici, e cercarne – più che le cause – le possibili soluzioni.

In una famiglia si sviluppano relazioni tossiche quando le dinamiche cognitive, affettive e sociali sono distorte, e vedono il moltiplicarsi di conflitti, comportamenti deviati ed abusi. Tuttavia, i membri della famiglia tendono a percepire questi atteggiamenti come normali; pertanto è importante conoscerli, partendo da alcuni esempi. Una famiglia è tossica quando:

  • Non esistono regole né privacy;
  • la famiglia regola ogni attività ed abitudine della vita dei suoi componenti;
  • i figli debbono compensare i bisogni affettivi dei genitori;
  • i genitori esigono l'omogeneità di pensiero tra i membri della famiglia, e si tende ad esprimersi con frasi come "Noi la pensiamo così", "Noi siamo sempre stati d'accordo";
  • la madre sviluppa un atteggiamento morboso che, se non soddisfatto, la fa infuriare oppure scoppiare a piangere;
  • la madre instaura con i figli un rapporto ambivalente, che oscilla tra dimostrazioni di amore e l'indifferenza;
  • i genitori stabiliscono il futuro dei figli in maniera autoritaria;
  • i genitori lasciano che i figli "si educhino da sé", venendo meno al ruolo di educatori e guide.
immagine: Unsplash

Questo tipo di comportamenti trova origine spesso nel fatto che chi lo perpetua è stato a sua volta vittima di una qualche forma di abuso. Le relazioni tossiche si manifestano ovviamente a vari livelli di gravità, ma in tutti i casi provocano problemi sociali ed emotivi a chi li subisce. È necessario perciò liberarsene – ma in che modo?

Innanzitutto mostrandosi sicuri di sé nell'esprimere il proprio punto di vista nelle varie occasioni: in questo modo ci si afferma come individui a parte rispetto alla famiglia, ribadendo la propria distanza dalle dinamiche che agiscono al suo interno.

Se questa distanza intellettuale non bastasse, occorre renderla fisica, ovvero andarsene di casa una volta che la maggiore età lo permetta. Spesso è l'unica via percorribile, quando il problema sono i genitori, che difficilmente potranno modificare il proprio carattere.

Chiudere i ponti con un componente della famiglia può sembrare una scelta drastica e dolorosa, ma quando non ci sono altre strade, è davvero un percorso salutare. In ogni caso, consultare un esperto può essere sempre utile per chiarirsi le idee su questa complicata decisione.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie