Un giovane inventa "L'acqua che si mangia" per aiutare i pazienti anziani a rimanere idratati - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un giovane inventa "L'acqua che si mangia"…
Il marito chiede il divorzio, ma quando legge la lettera di risposta della moglie capisce di aver commesso un errore Queste 14 foto di persone che fanno qualcosa di bello per gli altri vi restituiranno la fiducia che avete perso

Un giovane inventa "L'acqua che si mangia" per aiutare i pazienti anziani a rimanere idratati

20 Agosto 2018 • di Claudia Melucci
30.983
Advertisement

Le persone anziane, e a maggior ragione quelle che soffrono di forme di demenza, possono andare incontro a dei rischi per la propria salute solo per il fatto di non bere abbastanza. Quando si è in età avanzata, viene perso quasi completamente il senso di sete ed è facile provocare una grave disidratazione del corpo. Inoltre, molte persone malate di demenza, riscontrano grandi difficoltà a deglutire i liquidi, complicando ulteriormente i tentativi di idratazione.

Un giovane, nipote di una signora con una lieve forma di demenza, ha escogitato un piano per permettere a sua nonna e a tutte le altre persone di bere abbastanza, senza alcuno sforzo. 

Lewis Hornby, dopo aver osservato la nonna incorrere ad un ricovero ospedaliero per una grave disidratazione, ha deciso di pensare a qualcosa che potesse evitarle di nuovo questo inconveniente. La nonna, come accade a molti anziani, soffre di una lieve demenza che le fa scordare completamente di bere, in aggiunta al fatto che non percepisce il bisogno di bere e che riscontra difficoltà a deglutire i liquidi. Un quadro complicato, ma per nulla raro.

immagine: Vimeo/Lewis Hornby

Ciò a cui è arrivato il giovane Lewis sono delle palline colorate fatte dal 90% di acqua e per la restante parte di gelatina ed elettroliti per aumentare l'effetto idratante. 

Le palline risultano essere solide, hanno un colore acceso che attira facilmente l'attenzione delle persone e non lasciano residui sulle mani.

Lewis ha dotato la scatola contenente le palline di un'apertura facilitata, pensata proprio per chi ha una ridotta manualità, e di un coperchio trasparente in modo che l'attenzione venga colta di frequente dalle gelatine. 

Advertisement

"Mia nonna ha mangiato 7 gelatine in 10 minuti, l'equivalente di un bicchiere d'acqua che avrebbe richiesto ore e l'assistenza di qualcuno."

immagine: Vimeo/Lewis Hornby

Un modo molto semplice - ma altrettanto efficace - per evitare alle persone anziane di complicare ulteriormente il proprio stato di salute per una banalissima dimenticanza. 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie