Il futuro del trasporto pubblico: questo bus si guida da solo e provvede a tutti i controlli di sicurezza - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il futuro del trasporto pubblico: questo…
Due uomini cavalcano le nuvole a centinaia di metri di altezza: da restare col fiato sospeso! Inizia aprendo un foro nel melone: ecco un'idea per deliziare il palato... e gli OCCHI!

Il futuro del trasporto pubblico: questo bus si guida da solo e provvede a tutti i controlli di sicurezza

5.667
Advertisement

Il futuro delle città si prospetta essere costituito da fitti ingorghi di traffico causati dal sempre crescente numero di auto private, accompagnato dallo scarso uso dei mezzi pubblici, troppo spesso ben poco efficienti. Per ovviare a tale prospettiva la Mercedes-Benz ha già progettato un autobus del futuro che convincerà i cittadini a lasciare in garage la propria auto. 

Si tratta di un veicolo semi-automatico che rende il viaggio in autobus sicuro, veloce e confortevole coma mai è stato prima. 

Un sistema di connettività multipla, telecamere che permettono una visione a 360° dell'ambiente attorno al veicolo, e la condivisione istantanea dei dati raccolti dai numerosi sensori, catapultano questo autobus nel futuro.

I passeggeri in transito nell'aeroporto principale di Amsterdam hanno potuto vivere in anteprima l'esperienza di viaggiare sull'autobus del futuro.

Advertisement

Il suo aspetto è quello di un bus comune ma i suoi dettagli lo contraddistinguono da ogni altro veicolo pubblico mai realizzato.

Il bus dotato della tecnologia 'Citypilot' è in grado di rilevare la presenza di semafori e di interagire con loro in modo da ottenere un passaggio preferenziale in completa sicurezza.

Riconosce anche gli ostacoli, in modo particolare pedoni, e può contare su un sistema automatico di frenata in caso di allarme.

Durante la corsa sistemi di telecamere sorvegliano i lati e il retro dell'autobus, mentre radar frontali analizzano la strada. Ovviamente non manca il GPS che indica il percorso da seguire. Tutto questo consente al bus di percorrere in maniera automatica l'asfalto. 

La stazione centrale è in grado di riconoscere la posizione del bus con la precisione di centimetri, come dimostrato durante la presentazione del progetto durante il quale è stato percorsa una tratta di 20 km, ricostruita esattamente su un computer remoto dai sensori a bordo del bus. 

Advertisement

Il sistema semi-automatico permette all'autista di eseguire la corsa con molta più tranquillità, potendo far fiducia sui numerosi sistemi di controllo e di sicurezza.

L'interno del bus è disegnato per garantire il massimo comfort al passeggero: il design della cabina ha un aspetto ordinato grazie al perfetto bilanciamento tra linee rette e curve.

L'interno è un 'open-space' ispirato agli ampi parchi urbani dotati di panchine che offrono una visuale completa e non unidirezionale.

La cabina è divisa essenzialmente in tre parti, le cui sedute sono progettate a seconda della permanenza sull'autobus. Il soffitto è ricoperto di maniglie a cui è possibile sostenersi come fossero rami di alberi nel parco. 

Nel compartimento passeggero grandi schermi rendono note le informazioni di viaggio comandate dall'operatore del bus.

Il futuro del trasporto pubblico è iniziato con questo autobus dotato di tecnologia 'Citypilot': un mezzo che interagisce con il traffico stesso, rendendo possibili gli spostamenti rapidi all'interno di città densamente popolate, in completa sicurezza. 

Guardate il veicolo all'opera e non vedrete l'ora di poterci salire a bordo!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie