Il capo non la apprezza, lei si licenzia con un bigliettino: "Mi dispiace per la tua perdita"

Irene Pastori

03 Dicembre 2022

Il capo non la apprezza, lei si licenzia con un bigliettino:
Advertisement

Svolgere il mestiere che si ama dovrebbe portare molta realizzazione personale e serenità sul posto di lavoro, ma sfortunatamente non sempre è così: molte aziende non riescono ancora a riconoscere il prezioso contributo dei loro dipendenti e assumono degli atteggiamenti che, a lungo andare, scoraggiano i lavoratori, spingendoli a licenziarsi quanto prima. Lo sa molto bene Amber, una giovane elettricista che ha scelto di rassegnare le sue dimissioni dal suo ormai ex posto di lavoro da lei ritenuto come "insoddisfacente" ed "estremamente demotivante" in un modo decisamente ironico ed originale.

via Reddit

Advertisement

Reddit - u/plasticnaptime

"Avete mai lavorato per un'azienda che vi ha trattato malissimo? Oggi ho ricevuto un'offerta di lavoro che mi offre un po' di più di quello che avevo chiesto, un furgone tutto mio e mi sponsorizzeranno per le scuole. Non vedo l'ora di dare la bella notizia al mio capo domani", ha scritto la giovane elettricista, allegando la foto delle sue insolite dimissioni scritte in un biglietto di commiato che recita "Mi dispiace per la tua perdita". All'interno, la giovane ha scritto: "Sono io. Tra due settimane lascio il lavoro. Amber"

"Prevedo che il mio capo mi dirà di andarmene all'istante", ha commentato la ragazza: "Di solito è quello che fa quando le persone cercano di licenziarsi. La mia nuova azienda ha già detto che posso iniziare immediatamente. La mia attuale azienda non vuole pagare nulla e richiede che si forniscano tutti gli strumenti, comprese le scale, l'attrezzatura di sicurezza e persino le lame per sega e le punte per trapano! Perché dovrei usurare i miei attrezzi personali? Poi si chiedono perché i loro dipendenti vanno via!", ha aggiunto. Il giorno seguente, Amber ha presentato il biglietto di dimissioni, ma la reazione del capo è stata inaspettata.

Pexels - Not the Actual Photo

"Stamattina sono andata al negozio e gli ho dato il biglietto. L'ha letto ad alta voce, ha fatto una faccia disgustata e ha detto "ok". Non mi ha detto di andarmene, quindi significa che vuole che io lavori per le mie due settimane. Non mi ha nemmeno chiesto perché me ne vado", ha spiegato la ragazza.

La maggior parte degli utenti ha supportato la sua iniziativa, ma qualcuno ha sottolineato l'importanza del mantenere comunque un profilo professionale: "Bigliettino divertente. Ma ti consiglio di essere più professionale. Non abbassarti al loro livello...li farà solo sentire giustificati per averti trattato male. In ogni caso, buona fortuna!", ha scritto un giovane. "Il rispetto non si dà, si guadagna e io ho unito l'utile al dilettevole", ha risposto la giovane.

Voi cosa ne pensate? Avreste fatto lo stesso?

Advertisement