Cane randagio si affeziona ad un'assistente di volo e l'aspetta ogni giorno davanti alla porta dell'hotel - GuardaCheVideo.it
x
Cane randagio si affeziona ad un'assistente…
Perché abbiamo bisogno di dormire con una coperta addosso anche quando fa caldo? A 83 anni vuole cambiare vita e si mette a viaggiare in camper:

Cane randagio si affeziona ad un'assistente di volo e l'aspetta ogni giorno davanti alla porta dell'hotel

01 Luglio 2021 • di Simone Fabriziani
3.538
Advertisement

C'è qualcuno che possa esprimere fedeltà ed affetto assoluti meglio di un cane? Probabilmente no, ed è per questo che questa commovente storia che stiamo per raccontarvi è l'ennesima dimostrazione di quanto i nostri amici a quattro zampe potranno anche non possedere il dono della parola, ma di certo sono i campioni numero uno per quanto riguarda la compagnia, l'amore disinteressato, l'affetto, la fedeltà pura e cristallina. E se avete sempre avuto dubbi a riguardo, con questa storia vi ricrederete.

La protagonista di questa tenerissima storia si chiama Olivia Sievers ed è un'assistente di volo tedesca che per lavoro viaggia moltissimo a bordo di aerei che vanno e vengono da ogni parte del globo terrestre. Molto spesso, i suoi voli fanno scalo a Buenos Aires, in Argentina, dove Olivia soggiorna con frequenza, scegliendo sempre di alloggiare allo stesso hotel. Frequentando quindi sempre lo stesso posto, l'assistente di volo notò un giorno che c'era un cagnolone randagio che la riconosceva e che si fermava sempre davanti la porta scorrevole dell'albergo in attesa che Olivia uscisse o tornasse...

Ogni volta che il cagnolone randagio vedeva arrivare Olivia, si faceva trovare seduto davanti alla porta a vetri dell'hotel, si sdraiava su un lato e faceva in modo di farsi fare tante coccole dalla gentile assistente di volo: sembrava che tra i due ci fosse non soltanto intesa, ma anche affetto, e Olivia non poteva non pensare che quel cane randagio fosse "innamorato" di lei, ogni volta che tornava a Buenos Aires lui era lì ad aspettarla.

Advertisement

La hostess tedesca ha raccontato: "Mi ha aspettato per ben tre mesi e veniva tutti i giorni in albergo. L'ho incontrato per la prima volta a febbraio, poi l'ho cercato e incontrato ad aprile per due giorni e poi non ho potuto prendere un volo per Buenos Aires fino al mese di luglio. Il personale dell'hotel mi ha detto che è venuto ogni giorno da aprile ad aspettare solo me!"

Rubio, così la hostess ha voluto chiamare il cane randagio che la seguiva sempre, non voleva proprio abbandonarla, così la donna si è premurata di contattare un rifugio locale per animali senza dimora, ma anche in quel caso il cane è riuscito a scappare dopo qualche tempo e tornare sempre e comunque davanti alla porta scorrevole dell'hotel della città argentina.

Dopo molte insistenze da parte del cagnolone senza che il primo desse cenni di desistenza, alla fine Olivia ha deciso di adottare Rubio e di portarlo con sé in Germania. Inutile aggiungere che adesso il cagnolone argentino non è più randagio, né più solo; ha una splendida famiglia al di là dell'oceano che gli vuole bene e che gli regala ogni giorno affetto e sorrisi!

Advertisement

A volte il destino sa giocarsi veramente bene le sue carte, e di certo la storia di Olivia l'assistente di volo gentile e il cane Rubio ci insegna che l'amore a prima vista può scattare anche a chilometri e chilometri di distanza!

Tags: CaniEmozionantiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie