Addio al "nonno della terapia intensiva": ha tenuto tra le braccia i bimbi prematuri per oltre 15 anni - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Addio al "nonno della terapia intensiva":…
Il pastore si ammala di Covid-19 e non può più badare al suo gregge: il sindaco decide di sostituirlo Un papà costruisce con le sue mani un adorabile letto a forma di Jeep per la figlioletta

Addio al "nonno della terapia intensiva": ha tenuto tra le braccia i bimbi prematuri per oltre 15 anni

19 Novembre 2020 • di Simone Fabriziani
4.412
Advertisement

Quando nascono i bambini prematuri, il primo luogo che vedono con i loro occhi subito dopo essere venuti al mondo è un'incubatrice all'interno dell'unità di terapia intensiva neonatale; un luogo in cui medici ed infermieri si prendono cura di questi piccoli appena nati in maniera scrupolosa, anche se i genitori molto spesso non possono andare a trovarli per abbracciarli o stare vicino a loro. Qui è quando entrano in gioco gli hugger, ovvero color che abbracciano i bambini prematuri nelle terapie intensive, in mancanza dei genitori.

via: Today
immagine: ABC News/YouTube

Per ben 15 anni il Children's Health Care di Atlanta ha avuto uno degli hugger più amati della città statunitense; il suo nome è David Deuchtman  e dopo 41 anni di lavoro nel campo del marketing internazionale, ha deciso di andare in pensione e di riempire il suo tempo libero facendo il volontario all'interno dell'unità di terapia intensiva neonatale dell'ospedale pediatrico di Atlanta.

Un lavoro nobile che ha svolto con dedizione e tanta tenerezza per 15 anni, tenendo in braccio e coccolando quei bimbi prematuri che ancora non potevano godere della presenza dei genitori accanto a loro.

immagine: ABC News/YouTube

David è stato un vero e proprio angelo custode per questi bambini dell'unità di terapia intensiva prenatale, tanto che quando nel 2020 gli è stato diagnosticato un cancro al pancreas al quarto stadio, tutto il personale dell'ospedale pediatrico e i bambini cresciuti che lui aveva accudito si sono mossi per supportare la famiglia di David in un momento così difficile e per ricordargli ancora una volta come lui, semplicemente abbracciando e cullando questi bambini prematuri, aveva avuto un ruolo così' importante per la loro crescita.

Advertisement
immagine: ABC News/YouTube

Purtroppo, David è deceduto all'età di 86 anni a causa de cancro al pancreas che lo aveva colpito duramente, lasciando un vuoto incolmabile nel cuore della sua famiglia e in quella di centinaia di madri e padri che, in attesa delle dimissioni ospedaliere dei propri piccoli prematuri, non hanno potuto tenere tra le loro braccia i figli e hanno lasciato che questo volontario dal cuore d'oro lo facesse gentilmente per loro.

Buon viaggio, caro David!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie