Un alano sordo e ipovedente e la sua padroncina diventano migliori amici: non si separano nemmeno un istante - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un alano sordo e ipovedente e la sua…
Nata senza gambe, a 8 anni è un talento della ginnastica artistica e un’ispirazione per tutti Un uomo si carica il suo cane sulle spalle per salvarlo delle inondazioni

Un alano sordo e ipovedente e la sua padroncina diventano migliori amici: non si separano nemmeno un istante

23 Agosto 2020 • di Davide Bert
1.503
Advertisement

Gli amici a 4 zampe rendono più ricca la vita delle famiglie che li accolgono. Non conta la loro età o il pedigree, ma l’amore incondizionato che sanno dare. Sanno ricambiare ogni piccolo gesto d’affetto con una dolcezza e una riconoscenza immensa. Anche quando la natura li priva del vigore o della salute, compensano con la lealtà, il calore e la gioia che sanno donare. Questa è la storia di un alano di nome Echo, e della bambina sua compagna di giochi.

Hello friends! Echo here! We've been a little quiet the past few weeks because we have been busy with our new two legged...

Pubblicato da Echo & Osiris the deaf Great Danes su Lunedì 11 aprile 2016

La cagnetta aveva appena 12 settimane quando venne salvata per miracolo da Marion Dwyer, che vive a New York insieme al marito e altri due esemplari Danesi. Echo aveva perso l’udito e parte della capacità visiva.

Quando è stata ritrovata era in condizioni disperate. Per via della malnutrizione si era ridotta a mangiare praticamente tutto quello che riuscita a trovare. Il veterinario le aveva trovato nello stomaco perfino dei sassi.

This is one of my favorite photos of Echo and Jennie. Even though it is a bit blurry and the lighting isn’t great it is...

Pubblicato da Echo & Osiris the deaf Great Danes su Domenica 1 aprile 2018

Grazie alle cure ricevute si riprese perfettamente, restando tuttavia parzialmente disabile. Marion poi è divenuta mamma, e c’era un po’ di preoccupazione su come avrebbe reagito Echo all’arrivo di una nuova ospite in famiglia.

I timori della donna si sono poi rivelati inutili. Infatti Echo e la piccola Jennie, sono diventate ben presto migliori amiche. Già quando Marion era ancora incinta, la dolce cucciolona si accoccolava accanto a lei mettendole il muso sul pancione.

Advertisement

"Listen kid. I love you and all, but I am not going to learn any new tricks on a Monday. But I'll give you a nose boop."...

Pubblicato da Echo & Osiris the deaf Great Danes su Lunedì 7 agosto 2017

Era come se sapesse che lì dentro c’era qualcuno, e le stesse dicendo che la stava aspettando per giocare insieme. La storia di questa amicizia speciale è divenuta virale quando il marito della donna ha postato su youtube il video di Echo e della bimba che camminano insieme.

Col tempo Jennie ha imparato il linguaggio dei segni per comunicare con la sua amica, e non si separava mai da lei. Dal canto suo Echo si comportava da brava sorella maggiore, standole sempre accanto e badando che sia sempre al sicuro.

Ogni volta che si avvicinava un estraneo, lei si metteva sempre davanti, senza  mostrarsi aggressiva, ma allo stesso tempo proteggendo la piccola. A marzo 2018 purtroppo Echo è venuta a mancare. Tutti in famiglia sono rimasti sconvolti da questa perdita.

Allo stesso modo però sono grati del tempo che hanno potuto condividere con lei. Come il personaggio mitologico di cui porta il nome, Echo è andata via ma non così lontano. È sempre a portata di un battito per i cuori che ne custodiscono per sempre il ricordo.

Tags: AnimaliBambiniStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie