Basta con l'ossessione per i voti: la scuola deve insegnare prima di tutto la collaborazione - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Basta con l'ossessione per i voti: la…
Trattenere di continuo le proprie emozioni fa ammalare il corpo e la mente Un dipendente di McDonald's con sindrome di Down va in pensione dopo aver servito sorrisi per più di 30 anni

Basta con l'ossessione per i voti: la scuola deve insegnare prima di tutto la collaborazione

5.398
Advertisement

La scuola svolge un ruolo fondamentale nell'educazione dei bambini; ma non solo per le materie e le nozioni che i ragazzi hanno il dovere e la possibilità di studiare.

Infatti, essa rappresenta una prima forma di comunità, con membri estranei al gruppo familiare e decisamente più ampia della famiglia; pertanto è una prima palestra sociale, in cui i bambini sviluppano la capacità di costruire relazioni interpersonali, imparando quei comportamenti ed attitudini che favoriscono una pacifica convivenza.

Di conseguenza, le scuole dovrebbero rifiutare di promuovere un modello sociale competitivo, optando invece per uno che metta al centro la collaborazione.

Nonostante la maggior parte degli insegnanti sia consapevole dell'importanza della collaborazione, la scuola propende sovente per un modello competitivo – a volte anche in maniera involontaria. Ne sono un esempio queste due tendenze, che andrebbero opportunamente riviste, reimpostando la didattica sulla base del principio di collaborazione.

Il primo caso è rappresentato dalle prove a punteggio standardizzate: nati per ottenere dati uniformi sul territorio nazionale – sulla base dei quali pianificare poi politiche ed interventi educativi –, tali test sono spesso percepiti come una competizione fra gli alunni e le scuole, che li percepiscono come una gara con un punteggio. Vista l'importanza di questo tipo di prove, è importante cambiare più che altro lo stereotipo e la percezione che le circondano.

In secondo luogo, si potrebbe ribattere che anche i voti allora incentivano un tale sistema competitivo (e ciò coglierebbe il pauso della Montessori). In realtà, spesso il guaio è generato dai genitori, che vogliono sapere non solo il risultato del figlio, ma anche quelli dei suoi compagni di classe: il figlio, infatti, deve essere il migliore, o almeno tra i primi. In questo modo incentivano i bambini a percepire la scuola e lo studio come un sistema di confronti e classifiche.

In attesa che le istituzioni scolastiche colgano questa necessaria svolta di principio, iniziamo nel piccolo, a casa, a promuovere la collaborazione, abbandonando certe cattive abitudini a primeggiare a tutti i costi. Non dimentichiamo che moltissimi personaggi che hanno cambiato la storia con le loro scoperte non erano assolutamente i migliori tra i banchi di scuola.

Tags: ScuolaBambiniUtili
Advertisement

Lascia il tuo commento!

x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie