IKEA chiede alle persone di "bullizzare" una pianta per 30 giorni: il risultato ci apre gli occhi - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
IKEA chiede alle persone di "bullizzare"…
Alcuni consigli per scegliere l'ananas più buono ed evitare brutte sorprese Compra qualche tubo in PVC per pochi euro e riesce a trasformarli in qualcosa di grazioso per la casa

IKEA chiede alle persone di "bullizzare" una pianta per 30 giorni: il risultato ci apre gli occhi

10 Maggio 2018 • di Laura Gagliardi
5.175
Advertisement

In occasione del 4 maggio, Giornata Mondiale anti-bullismo, IKEA ha presentato i risultati di "Bully a plant", un interessante esperimento sulla violenza verbale e fisica. Lo studio, condotto a Dubai, ha visto la partecipazione attiva delle scuole allo scopo di sensibilizzare direttamente i ragazzi sugli effetti nocivi del fenomeno: per 30 giorni gli studenti sono stati invitati ad insultare o ad elogiare due gruppi distinti di piante. E gli effetti dei diversi tipi di trattamento sono stati evidenti.

Nel corso di 30 giorni le piante sono state oggetto delle offese o delle lodi di migliaia di ragazzi, 24 ore al giorno. In che modo? Gli studenti sono stati invitati a registrare le loro voci sui social network, in modo che potessero essere ascoltate dalle piante nell'arco dell'intera giornata. A parte il diverso trattamento "sociale", ogni pianta è stata annaffiata e concimata allo stesso modo, ed esposta alla stessa luce solare, al fine di escludere qualsiasi altro tipo di fattore determinante di crescita, a parte il comportamento dei ragazzi.

Advertisement

I risultati della ricerca sono stati eloquenti: le piante che erano state riempite di parole affettuose e complimenti erano cresciute in maniera rigogliosa, mentre quelle vittime di bullismo stentavano a crescere, mostrando foglie cadenti, ingiallite o secche

Considerando che anche le piante sono essere viventi, tali conclusioni non sono stupefacenti, tuttavia appaiono estremamente importanti nel confermare gli effetti negativi degli atti di bullismo, e particolarmente efficaci nel denunciare il fenomeno non tanto fra il pubblico adulto, ma soprattutto fra i giovani, che non a caso sono stati parte attiva dell'esperimento.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Il bullismo è una piaga sociale dilagante, soprattutto tra i giovani, come riportano le cronache ormai in maniera quotidiana, e per questo sono molte le aziende o le istituzioni che si ingegnano per trovare il modo di arginarlo aprendo gli occhi alle nuove generazioni.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie