Un monaco scava per 15 anni la roccia con uno scalpello: il risultato è un luogo magico - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un monaco scava per 15 anni la roccia…
Il bulldog sta guardando un film horror alla TV: quando arriva la scena clou la reazione è sorprendente! Nonostante la disabilità riesce a diventare una ginnasta: 16 anni dopo fa una scoperta incredibile

Un monaco scava per 15 anni la roccia con uno scalpello: il risultato è un luogo magico

30 Luglio 2016 • di Claudia Melucci
13.628
Advertisement

La Romania è un paese tutt'ora poco considerato dal turismo mondiale ma che nasconde gioielli storici e naturali al pari di altre mete affollate.

Nelle impenetrabili foreste della Romania del Nord c'è un luogo raggiunto ogni anno da migliaia di turisti in pellegrinaggio che tentano di trovare illuminazione e risposte ai loro problemi. Il luogo che visitano è un monastero scavato nella roccia più di 500 anni fa, costruito da un monaco romeno che ha utilizzato soltanto uno scalpello. 

Il luogo di solitudine dista pochi chilometri dalla città di Suaceva ed è stato costruito 500 anni fa da un unico uomo, Daniil Sihastrul.

Nato in una famiglia contadina originaria della città di Radauti, è entrato a far parte dei monaci dell'ordine di San Nicola all'età di 16 anni.

Divenne in poco tempo un carismatico prete confessore, adorato dalle folle di tutto il paese che lo acclamarono come guida spirituale. 

Volendo ritrovare la serenità e la pace della vita monastica da cui aveva iniziato, decise di individuare un luogo inaccessibile in cui ritirarsi per pregare silenziosamente. Secondo la tradizione iniziò a scavare una cappella su una alta montagna e a costruire la sua cella eremitica nella vallata sottostante. La leggenda narra che rimase in questo luogo per oltre 20 anni, mantenendo il giuramento di un silenzio incessante e di una preghiera continua. 

Fin dal giorno della sua comparsa, la popolazione locale non ha più smesso di venerarlo: la chiesa lo ha infine canonizzato nel 1992, festeggiandolo il 18 Dicembre. 

Advertisement

La cappella da lui scavata è tutt'ora raggiunta da migliaia di pellegrini che si rivolgono alla sua figura per trovare illuminazione sui propri problemi.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie