È in attesa del 4° figlio maschio: "che delusione, volevo una femminuccia"

Isabella Ripoli

01 Gennaio 2023

È in attesa del 4° figlio maschio:
Advertisement

Quando si viene a conoscenza che nel giro di qualche mese si diventerà genitori, non si sta nella pelle all'idea di avere tra le braccia il nuovo arrivato e, prima che giunga quel momento, ci si pone tante domande e, soprattutto, se sarà un maschietto o una femminuccia. Qualunque sia la risposta a questo dilemma, ogni mamma e ogni papà dirà che va bene e che la felicità più grande è di aver allargato la famiglia, o almeno questo è quanto pensa la maggior parte delle persone. 

Ci sono adulti, infatti, che preferiscono avere una bambina e altri un bambino, e non stentano ad ammetterlo. Cosa che ha fatto anche la protagonista di questa storia, la quale ha dimostrato grande sincerità, ma anche quanto sia difficile confessare una cosa simile. Capiamo perché.

via 7 News

Advertisement

È comune pensare e affermare che, quando arriva un figlio, un genitore non possa lamentarsi e non possa esprimere più o meno gioia rispetto al genere del nascituro. Eppure non è una cosa scontata. Erica Swinehart, ad esempio, è una mamma di 24 anni della Florida, negli Stati Uniti, che all'arrivo del suo quarto figlio maschio, ha dichiarato di esserci rimasta molto male. 

In una "confessione" condivisa sui social, la donna ha dichiarato apertamente che, quando ha saputo di essere in dolce attesa, sperava arrivasse una femminuccia e di essere stata delusa del contrario. L'ultimo genito sarebbe stato un altro bambino e le sue aspettative erano state deluse. "In molti mi hanno ringraziata per aver affrontato l'argomento - ha dichiarato - non è sempre facile parlare di questa cosa e si rischia di essere criticati aspramente. Io però penso che sia giusto dire quello che si prova e manifestarlo senza incorrere in opinioni negative". 

@theswineharts/Tik Tok

Erica ha spiegato che non era contraria completamente al fatto di essere in attesa di un altro maschietto, era dispiaciuta che questo, con molte probabilità, sarebbe stato il loro ultimo bambino e non avrebbe mai avuto l'occasione di avere una femminuccia con cui condividere determinati momenti. "Mi viene da pensare allo shopping, alla scelta dell'abito da sposa e a cose simili - ha raccontato - Invece sarò solo una suocera. È normale avere una delusione in merito al genere del proprio bambino, questo non vuol dire che non sarà amato come si deve, né che il piccolo ne risentirà, ma è bene esternare i propri sentimenti". 

Una cosa molto più sentita di quanto si pensi. Tanti genitori si sono uniti a lei in queste considerazioni, ringraziandola per averne parlato e per aver spiegato che non si tratta di una cosa negativa, bensì di qualcosa che c'è, che è momentanea e che non influenzerà il rapporto con il bambino. 

Tu hai avuto esperienze al riguardo? Cosa ne pensi?

Advertisement