La moglie fa un lavoro a tempo pieno e lui si dedica a casa e figli: "mi considerano poco virile per questo"

Irene Pastori

14 Gennaio 2023

La moglie fa un lavoro a tempo pieno e lui si dedica a casa e figli:
Advertisement

Nonostante si stia assistendo ad una consapevolezza maggiore della parità di genere sul lavoro e in qualunque altro ambiente di vita quotidiana, ci sono ancora forti pregiudizi per quanto riguarda alcuni ruoli "tradizionali" che andrebbero ricoperti dall'uomo o dalla donna, come, ad esempio, il compito di crescere i figli a casa e rinunciare alla propria carriera lavorativa.

Ebbene, quando a Claire, la moglie di Michael Bracey, è stata offerta un'opportunità di lavoro che non poteva rifiutare, lui è stato più che felice di occuparsi a tempo pieno dei loro 4 bambini piccoli. La coppia proviene dalla Nuova Zelanda e si è trasferita in una cittadina di campagna per agevolare la carriera di Claire.

via Daily Mail

Advertisement

Pexels - Not The Actual Photo

"La scelta di diventare il genitore di riferimento della nostra famiglia non è stata difficile", ha commentato Michael: "Anzi, non è stata neanche lontanamente scoraggiante o terrificante come mi avevano fatto credere. Ci eravamo appena trasferiti in una piccola città rurale grazie alla carriera di mia moglie. Le opportunità di lavoro per me erano poche e lontane, avevamo un bambino in età prescolare da sistemare e uno più grande che iniziava una nuova scuola".

Tuttavia, vivendo fuori da un centro urbano, la risposta alla sua nuova posizione non è stata del tutto positiva: "Essendo una comunità rurale, avevo la sensazione che non mi considerassero abbastanza virile. Per loro non potevo fare il papà: dovevo guidare un trattore o fare cose simili", ha detto. Michael ha aggiunto che questo atteggiamento è continuato nella scuola, dove il personale prevalentemente femminile ha creato pressioni su di lui affinché si conformasse al pensiero comune, invece di essere il padre di cui le sue bambine avevano bisogno.

Pexels - Not The Actual Photo

"Posso gestire lo scherno dei compagni, di altri uomini che non hanno idea di cosa si perdono. Dopotutto, quanti uomini della mia età hanno avuto la possibilità di trascorrere così tanto tempo con i propri figli? Non molti, immagino", ha osservato Michael. Ad ogni modo, il super-papà ha ammesso di trovare l'opinione superficiale delle altre mamme alquanto fastidiosa.

"Se pensate che ci sia qualcosa di strano o sbagliato in un padre casalingo, allora avete un problema che potete tenere per voi, perché non mi interessa", ha dichiarato Michael. Il papà ha confidato di non sopportare le risatine velate, i commenti sprezzanti e le battute che insinuano che non è in grado di fare il lavoro di genitore casalingo perché è un uomo: "Mia moglie ed io abbiamo 4 figli meravigliosi, brillanti, intelligenti, divertenti e di successo. Ho dovuto imparare e crescere insieme a loro e mi hanno insegnato molto", ha detto.

Tu cosa ne pensi di questa faccenda?

Advertisement