Giovane avvocatessa rivela la sua strategia per farsi ascoltare dagli uomini sul lavoro: "Metteteli a disagio"

Irene Pastori

12 Ottobre 2022

Giovane avvocatessa rivela la sua strategia per farsi ascoltare dagli uomini sul lavoro:
Advertisement

Il mondo del lavoro non è ancora molto "equo": è risaputo che le donne hanno una retribuzione minore rispetto agli uomini, ma pian piano si sta cercando effettivamente di raggiungere l'agognata parità di genere. Nel frattempo, le giovani donne in carriera devono riuscire a dimostrare il loro valore e a farsi rispettare da colleghi e superiori, come Katie, una giovane avvocata da poco laureata in giurisprudenza e specializzata in regolamentazione delle criptovalute e tecnologia finanziaria.

via TikTok / kaytuc

Advertisement

TikTok - @kaytuc

Il suo "problema"? È anche una donna bionda e molto carina. Il suo aspetto le ha creato non pochi problemi sul luogo di lavoro, così ha imparato a farsi rispettare: "Una cosa che i miei professori hanno insistito ad insegnarmi alla scuola di legge, e che credo sia molto utile, è smettere di tergiversare: "Beh, sai, c'è sempre la possibilità che le cose vadano male. Voglio dire, c'è la possibilità che...". No, siete pagati per la vostra opinione, il vostro intelletto, la vostra ricerca e per quello che portate sul tavolo", ha spiegato.

La talentuosa avvocata ha tenuto a sottolineare che un atteggiamento insicuro è il primo passo per sminuire sé stesse. "Io propongo intenzionalmente un linguaggio del corpo più informale e naturalmente maschile: divaricare le gambe, appoggiarsi all'indietro, gettare le mani dietro la testa, prendere appunti sulle ginocchia, piuttosto che stare seduti direttamente al tavolo, guardando quello che si sta facendo, questo tipo di atmosfera rilassata si traduce in realtà un po' in arroganza e francamente ho scoperto che funziona", ha raccontato. Tra i vari consigli, Katie ha spiegato di provare sempre a dare il via a qualsiasi azione successiva, come alzarsi per spostarsi e concludere la riunione o stringere la mano alla porta per salutarsi: "Sono io che inizio a farlo per far sì che tutti gli altri mi seguano".

"Mi è capitato che qualcuno non volesse cogliere le mie iniziative e tentasse di sminuire la mia figura dicendo: "Oh, tesoro, non sto cercando di offenderti facendo così". Ecco, questa è la parte più importante. Non potete permettergli di farla franca. Non accettate le scuse. Non normalizzatele. So che è incredibilmente scomodo. Ed è incredibilmente terrificante. Onestamente, mi ci sono voluti anni per sentirmi a mio agio. Mantenete la vostra posizione. Guardateli negli occhi e dite: "Il mio nome non è tesoro". Se vi sentite davvero impertinenti, dite: "Caro, il mio nome non è tesoro. E dovresti fornirmi le informazioni di contatto di qualcuno che non sei tu e che lavora a questo caso, in modo che io possa comunicare con loro". Uscirete da quella situazione a testa alta", ha puntualizzato Katie.

Infine, la giovane avvocata ha spronato le donne a non arrendersi ai primi ostacoli: "Non siate deluse da voi stesse se non riuscite a fare tutto questo immediatamente, a me è servito un decennio per imparare la maggior parte delle cose. Non abbiate mai paura di metterli a disagio perché loro non hanno mai paura di farlo".

Advertisement