Mamma costretta ad usare le candele perché non può permettersi di tenere le luci accese in casa - GuardaCheVideo.it
x
Mamma costretta ad usare le candele…
Desiderava da sempre di diventare nonna, dopo 17 anni il suo sogno è diventato realtà Il padrone di casa le raddoppia l'affitto quando scopre quanti soldi guadagna con il suo lavoro

Mamma costretta ad usare le candele perché non può permettersi di tenere le luci accese in casa

21 Maggio 2022 • di Marta Mastrogiovanni
907
Advertisement

Come ci insegna la storia, la nostra società subisce periodicamente dei momenti di crisi, causati dalla guerra, ad esempio, o da disastri naturali, che comportano un aumento dell'inflazione e dei prezzi dei prodotti e dei servizi. Con l'aumento dei prezzi, però, non aumentano anche i salari, che spesso sono assolutamente insoddisfacenti e non riescono ad essere all'altezza del costo della vita. Una mamma disperata ha dichiarato di essere costretta ad usare le candele in casa, per illuminare le stanze, poiché non può più permettersi di tenere le luci accese. Il costo della sua bolletta è triplicato nel giro di un anno e la donna, madre di 5 figli e addetta alle pulizie in due scuole, non riesce più a sostenerne i costi.


Single mum-of-five Nicola Elson says she has to fork out up to £760 a month for electricity at her flat in Hamilton.

Pubblicato da STV News su Lunedì 16 maggio 2022

Possibile che nel 2022 una mamma con un lavoro onesto sia costretta ad usare le candele, anziché accendere la luce, a causa dei costi delle bollette? È quello che è successo a Nicola Elson, una donna scozzese di 32 anni, residente in un bilocale ad Hamilton, South Lanarkshire, in Scozia. La donna si è trasferita lì nel 2021 e, oramai, destina praticamente tutto il suo stipendio nel pagamento della bolletta elettrica. All'inizio, il costo dell'elettricità era di circa £ 140 a settimana, ma con il passare del tempo, la cifra è arrivata a £ 190 a settimana, per un totale mensile che supera di gran lungo la rata del suo affitto mensile di £ 475.

Quando la donna ha chiesto spiegazioni sui costi così elevati, la società che le gestisce il servizio elettrico le ha risposto che era dovuto soprattutto all'utilizzo dei suoi elettrodomestici. Nicole ha un frigorifero con freezer, una televisione, un bollitore e un fornello, ma ammette di utilizzare l'energia elettrica anche per riscaldare la casa.

Vivere in una situazione del genere, significa per Nicole vivere una serie di rinunce, che purtroppo ricadono anche sui suoi figli. Pur avendo cinque figli, Nicole ha rivelato che tre di loro vivono con il padre attualmente, proprio perché lei non riesce a sostenersi finanziariamente. Le due figlie più piccole, di 4 e 3 anni, vivono con lei, anche se Nicole sottolinea come non possa accontentare quasi mai i loro sogni di bambine. Ogni settimana, Nicole spende circa £ 100 per fare la spesa e spera sempre che sia sufficiente per sfamare le piccole; a volte, arriva anche a non fare colazione pur di far bastare il cibo per le figliolette.

Advertisement

Nicole ha sviluppata una forte forma di ansia e di depressione a causa di questa situazione, e cerca di appoggiarsi alla sua famiglia e agli amici: "Tutto quello che guadagno va nel contatore della luce: vengo pagata £ 860 per il mio lavoro come addetta alle pulizie in due scuole". Questa mamma esausta cerca di spegnere tutte le luci e di staccare tutti gli elettrodomestici dalle prese, chiedendo ai suoi amici e alla sua famiglia di darle un amano con il bucato.

Una situazione davvero difficile, che speriamo questa mamma possa superare a breve, anche grazie al sostegno dello Stato, che non dovrebbe certamente "abbandonare" i cittadini in questo modo.

Tags: StorieAttualità
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie