Pensa di essere costipata, in realtà non sa di essere incinta: partorisce in casa una bellissima bambina - GuardaCheVideo.it
x
Pensa di essere costipata, in realtà…
Parcheggia in un posto riservato e insulta una vigilessa del fuoco: lei gli distrugge l'auto in un'esercitazione Fanno causa al figlio per £500,000 perché ancora non li ha fatti diventare nonni:

Pensa di essere costipata, in realtà non sa di essere incinta: partorisce in casa una bellissima bambina

13 Maggio 2022 • di Marta Mastrogiovanni
2.166
Advertisement

È possibile non accorgersi di essere incinta? A quanto pare sì ed è quello che è accaduto alla giovane Niomi Thomas, neo-mamma di 18 anni, che non riusciva a credere di aver dato alla luce una bellissima bambina. Lo sconcerto è stato totale, anche perché la ragazza prendeva regolarmente la pillola anticoncezionale, dunque non sarebbe dovuta rimanere incinta. Qualcuno si chiederà come ha fatto a portare a termine una gravidanza di 9 mesi senza aver mai avuto alcun sintomo? La verità è che Niomi aveva ancora il ciclo, seppur irregolare, durante quei mesi e non aveva sofferto di alcun disturbo rilevante. Prima di partorire, però, ha iniziato a soffrire di mal di schiena e mal di stomaco, - ma credeva che fosse tutto legato a un problema di costipazione.

Naturalmente, non si trattava di costipazione e nemmeno di sintomi legati al ciclo: Niomi stava per partorire. "Prendevo la pillola ogni giorno" ha raccontato, "Non ho mai sentito alcun movimento e tutti mi hanno chiesto come avessi fatto a non sentirla? I medici hanno detto che la placenta era davanti, quindi ogni volta che la piccola dava i calci non prendeva a calci me, quindi non la sentivo".

La giovane ha iniziato ad avvertire i primi sintomi di mal di schiena e mal di stomaco mentre era impegnata in un tirocinio in un asilo nido. I dolori hanno iniziato ad essere così forti che Niomi dovuta tornare a casa e stendersi sul letto: non si sentiva bene, ma tutti, sua madre compresa, continuava a ripeterle che si trattava probabilmente di costipazione. "Il giorno prima stavo lavorando e pensavo di avere il ciclo, avevo molto mal di schiena e mal di stomaco, il che è normale per me quando ho il ciclo" ha raccontato Niomi, "Sono arrivata al punto in cui non potevo più lavorare, quindi sono tornata a casa. Durante la notte è tutto peggiorato progressivamente e, ovviamente, ripensandoci ora, quello era il travaglio".

La madre continuava a dirle di non preoccuparsi e di prendere degli antidolorifici, ma niente di queste rassicurazioni hanno funzionato, anche perché mezz'ora dopo la ragazza ha iniziato a stare peggio. Mentre era sdraiata nella sua stanza, Niomi ha avvertito la rottura delle acque, solo che all'epoca, non sapendo di essere incinta, non sapeva cosa le stesse succedendo.

"Ho mandato un messaggio a mia madre dicendo 'Sono davvero spaventata, mi sta succedendo qualcosa'. Ovviamente è stato davvero traumatico e molto spaventoso perché ero molto confusa su quello che stava succedendo, visto che non avevo mai sentito quel tipo di dolore prima", ha raccontato la giovane. Dopodiché c'è stato il momento del parto: "Ho avuto questo forte bisogno di spingere e poi ho sentito un sollievo e ho pensato 'oh fantastico, il dolore è passato' e quando mi sono girata ho guardato ai piedi del letto e ho detto 'oh mio dio, ho avuto un bambino'".

Non appena partorito, la ragazza e la sua bimba, Talia, sono state portate in ospedale per tutti i controlli. Nonostante Niomi abbia bevuto almeno 3 tazze di caffè al giorno, durante la gravidanza, e qualche bevanda alcolica. la piccola Talia era in perfetto stato di salute.

Che dire, auguri a questa giovane mamma!

Tags: BambiniAssurdiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie