Poliziotto ferma una famiglia di senzatetto e gioca a campana con la loro bimba: le ha portato un po' di conforto - GuardaCheVideo.it
x
Poliziotto ferma una famiglia di senzatetto…
Un insegnante in pensione è costretto a vendere la sua auto: i suoi ex-alunni la comprano solo per restituirgliela Questo bambino di 8 anni viene rifiutato da tutte le scuole del Paese per colpa dei suoi lunghi capelli ricci

Poliziotto ferma una famiglia di senzatetto e gioca a campana con la loro bimba: le ha portato un po' di conforto

03 Maggio 2021 • di Simone Fabriziani
5.020
Advertisement

La vita è dura per tutti quanti, ma ancor di più per tutti coloro che non hanno la fortuna di vivere in una casa permanente e che devono accontentarsi di vivere ogni giorno in strada, o all'interno della propria automobile; sono i cosiddetti senzatetto, gli invisibili della nostra società che fin troppo spesso vengono visti in malo modo dalle persone comuni e non sono i benvenuti in molti centri cittadini. Quando questi difatti non sono i benvenuti, la polizia agisce per farli allontanare; ma non in questo caso che vogliamo raccontarvi oggi...

Il gesto di affetto e vicinanza del poliziotto protagonista di queste tenere immagini non ha prezzo. Tutto è accaduto presso Huntington Beach, in California, quando alcuni abitanti del quartiere balneare statunitense si erano lamentati della presenza di una famiglia di senzatetto che viveva all'interno della propria automobile e che si era appostata lì da qualche tempo; a quanto pare, alcuni abitanti di Huntington Beach non gradivano la loro presenza, e per questo motivo hanno chiamato la polizia per farli sgomberare da lì.

Quando l'agente di polizia Zach Pricer è arrivato sulla scena con il suo collega ha notato che all'interno dell'automobile della famiglia in difficoltà c'era una ragazzina di undici anni spaurita e dallo sguardo molto triste...

Zach Pricer, invece di allontanare da quel quartiere la famiglia, ha deciso di fare qualcosa per loro e soprattutto per quella bambina: ha fatto scendere la piccola e, nel frattempo che il suo collega stava contattando la Homeless Task Force per fornire aiuto concreto a quella famiglia di senzatetto anziché cacciarli o multarli, le ha chiesto di giocare a campana con lui!

La bambina, sorpresa, non aveva mai fatto quel gioco assieme a suoi amici, ma pare che l'agente Pricer fosse piuttosto avvezzo alle regole di quel divertentissimo gioco da strada che tutti abbiamo imparato a fare quando eravamo molto piccoli e con il quale sono cresciuti i nostri genitori. La bimba di undici anni, che prima era molto impaurita e timorosa del poliziotto che prima aveva intimato loro di scendere dalla macchina, adesso era veramente raggiante e aveva per un minuto messo da parte tutte le preoccupazioni quotidiane!

Advertisement

Le divertenti immagini d Zach Pricer e della bimba hanno fatto il giro del web quando sono state pubblicate e diffuse sul canale Facebook del Dipartimento di Polizia di Huntington Beach, ricevendo il plauso di tutti i suoi colleghi: "Questa mattina un ufficiale ha controllato un veicolo sospetto nella zona di Graham e Edinger. Durante la sua indagine ha appreso che le persone nel veicolo erano una madre e sua figlia di 11 anni e vivevano fuori dalla loro macchina. L'ufficiale ha contattato la Homeless Task Force per aiutarli a organizzare un alloggio permanente. Mentre l'altro agente lavorava alla sistemazione dell'alloggio con la madre, un altro ufficiale sulla scena, l'agente Pricer, ha iniziato a mostrare alla figlia la sua esperienza nel campo del gioco della campana!"

Un gesto veramente gentile ed inaspettato quello di quest'agente della polizia: un poliziotto praticamente dal cuore d'oro!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie