Fu data in adozione alla nascita: dopo 10 anni di ricerche trova i genitori e i fratelli che non sapeva di avere - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Fu data in adozione alla nascita: dopo…
Un uomo scopre che sua moglie lo tradisce grazie a una foto trovata su Google Maps Un ragazzo lascia la casa in disordine e invita la fidanzata per capire se sarà una

Fu data in adozione alla nascita: dopo 10 anni di ricerche trova i genitori e i fratelli che non sapeva di avere

13 Agosto 2020 • di Davide Bert
134.954
Advertisement

Ogni individuo desidera trovare il proprio posto nel mondo. Si cerca così un luogo da poter chiamare “casa”. Spesso questa parola che evoca affetto, calore e protezione, racchiude lo stesso significato di un’altra, vale a dire “famiglia”.

Da questo nucleo primordiale di sentimenti e di legami ogni persona proviene, e verso di esso, ciascuno è guidato istintivamente a ritornare. La storia di oggi racconta di questo viaggio e del suo stupendo traguardo.

via: Metro UK

Samantha Thomas è stata data in adozione alla nascita. Quando ha compiuto 18 anni ha deciso di trovare i suoi veri genitori. Purtroppo sapeva solo che erano di Chicago e che il nome di suo padre era Eddy. I dati erano insufficienti per poter risultare utili, così la ragazza è andata avanti nella sua vita. Non ha smesso però di raccogliere di tanto in tanto brandelli di notizie.

A 20 anni Samantha si è sposata ed ha avuto 2 figli. Diventata a sua volta mamma, ha sentito nuovamente dentro di sé il bisogno di ricongiungersi con la sua famiglia biologica. Dopo non poca insistenza è riuscita finalmente a farsi rivelare alcuni dettagli dall’avvocato che anni prima aveva curato la sua adozione.

Advertisement

I suoi genitori naturali le avevano lasciato 3 oggetti: una coperta, una foto e una lettera. Il legale li aveva avuti in custodia per anni. Purtroppo i due documenti erano andati distrutti. Samantha però non si è arresa. Si è recata in tribunale affermando che l’esistenza di quegli effetti era la prova che i suoi genitori avevano intenzione di mantenere un contatto con lei.

Il giudice è stato d’accordo con lei, così le ha concesso di accedere al suo certificato di nascita originale. Ha letto che il nome della sua vera madre era Valerie Lopez. Dopo una ricerca tra Pagine Bianche e Facebook è risalita al profilo di una donna che pensava potesse essere lei. Le ha scritto, e ha atteso che quella sconosciuta le rispondesse, smentendo o confermando ciò che lei sperava.

Quella Valerie Lopez le ha risposto 4 giorni dopo, dicendo di essere sua madre. Nel messaggio ha spiegato che rinunciare a lei è stato l’errore più grande della sua vita. Le due donne si sono sentita al telefono. Valerie ed Eddy si erano separati di recente, i due però hanno avuto altri tre figli, due maschi e una femmina.

Advertisement

Da quel giorno Samantha ha sentito spesso Valerie, i suoi fratelli e ha anche tentato di rintracciare suo padre. Il 2 settembre 2017 finalmente si sono riuniti tutti insieme. Quasi 27 anni dopo sono nuovamente un’unica grande famiglia, e l’uno nell’altro hanno finalmente ritrovato la propria casa.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie