Fate giocare i vostri bambini: il tempo dell'infanzia non torna più indietro - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Fate giocare i vostri bambini: il tempo…
Realizza un gigantesco ritratto della ragazza che ama con 840 cubi di Rubik, ma lei non lo vuole comunque Un uomo ruba un cellulare in chiesa...e poi esce facendosi il segno della croce

Fate giocare i vostri bambini: il tempo dell'infanzia non torna più indietro

925
Advertisement

Uno dei più grandi errori che i genitori fanno nei confronti dei propri figli è quello di trasformare i bambini in piccoli adulti: troppe responsabilità vengono accollate agli infanti, con il risultato che si finisce per crescere troppo in fretta. La realtà è che l'infanzia è un periodo sacro per la vita dei bambini più piccoli, il periodo preposto al divertimento, alla spensieratezza e, perché no, all'apprendimento attraverso i giochi. Rispettiamolo di più.

immagine: Pixabay

Abituare i nostri figli più piccoli alla gioia del gioco, da soli o in compagnia, migliora le loro capacità di apprendimento; mettersi in gioco sensibilizza notevolmente le loro capacità di saper socializzare con i propri coetanei, di sviluppare maggiore elasticità mentale al confronto con gli altri. Un esempio è quello di giochi in movimento come la campana, nascondino o un, due, tre stella che non soltanto migliorano le capacità senso-motorie dei nostri bambini ma li catapultano in un contesto di sfida che matura anche il loro senso di autostima.

Ai bambini bisogna riconoscere i propri diritti, tra cui quello sacrosanto del gioco, sia soli o meglio ancora con gli altri coetanei. Non è un caso che molti sistemi di istruzione attorno al globo non prevedono l'entrata alla scuola primaria prima di aver compiuto 7 anni.

Sono i casi specifici dell'Estonia, la Finlandia e della Corea del Sud; questi non sono sistemi educativi negligenti o "leggeri" anzi, riconoscono l'importanza vitale del piacere della scoperta, del confronto con gli altri coetanei e del gioco come interazione sociale che viene prima dello studio, relegato proprio nell'età in cui l'infanzia inizia ad affievolirsi, ovvero ai 7 anni.

Tutto ciò è per incitare altri paesi del mondo a riconsiderare il valore intrinseco del gioco durante il periodo dell'infanzia, un momento d'oro per la crescita di un bambino. Mamme e papà, concediamo più tempo libero ai nostri figli più piccoli, lasciamo che stiano più tempo con i propri amici nel parco, a giocare serenamente e senza alcuni tipo di preoccupazione o carichi di responsabilità. Anche in questo modo cresceranno sani.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie