"Aspettavamo 2 gemelle, ma non potevamo mantenerle entrambe": coppia rinuncia a una delle figlie

Isabella Ripoli

08 Novembre 2022

Advertisement

Avere un bambino è il sogno di molte persone, ma quando si inizia a progettare di allargare la famiglia, bisogna anche pensare all'aspetto economico. Questo, infatti, non va assolutamente sottovalutato perché i bambini hanno moltissime necessità ed è indispensabile che non gli manchi mai nulla.

Così ci sono genitori che decidono di rimandare a un momento migliore e altri che, al contrario, portano avanti la scelta, fiduciosi nel futuro che li attende. Altri ancora, invece, pur non volendo, si trovano nella situazione e la devono affrontare in qualunque modo possibile. Cosa che è successa alla coppia protagonista di questa vicenda.

via Hungary Postsen

Advertisement

Dawn Voris è una 60enne dell'Indiana che ha raccontato di quando lei e suo marito Clint With hanno scoperto di essere in attesa di 2 gemelline. Se, però, da un lato la cosa li rendeva felici, dall'altra erano consapevoli che non sarebbero stati in grado, dal punto di vista economico, di crescere entrambe le bimbe. La cosa, ovviamente, li ha messi in grande difficoltà e, dovendo decidere del loro avvenire, hanno nascosto a tutti, genitori compresi, che i piccoli in arrivo erano due. 

La donna ha raccontato che hanno riflettuto a lungo sulla situazione, ma hanno purtroppo realizzato che sarebbe stato impossibile per loro sostenere un onere simile. "I nostri lavori erano a rischio - ha raccontato la donna - e le nostre famiglie ci stavano già aiutando tantissimo. Siamo riusciti a venire fuori a stento da quella difficile situazione". Motivo per cui, a malincuore, si sono rivolti a una struttura che si occupava di adozioni e hanno deciso che una delle due bambine sarebbe stata affidata a un'altra famiglia.

"Le sentivo crescere dentro di me e il mio amore aumentava ogni giorno di più, ma sapevo di non poterle tenere entrambe - ha confessato la donna - Volevo che vivessero felici e l'unico modo era rinunciare a una di loro. Ma quale? Era una scelta difficile, eppure andava fatta. Così abbiamo deciso che la seconda a nascere sarebbe stata adottata". 

Quando le piccole Mikayla e Becky sono nate, la donna ha raccontato di aver stretto per pochi istanti la mano della bimba dalla quale si sarebbe separata. La situazione non è stata per niente semplice da affrontare, anche nei mesi successivi al parto e durante la crescita della sua bambina. Il pensiero, purtroppo, andava sempre a Becky che non c'era e la tristezza continuava a farsi strada.

Mantenere un simile segreto, poi, non ha aiutato i coniugi, soprattutto quando, crescendo, Mikayla ha iniziato a chiedere un fratellino. "Avevamo rinunciato a nostra figlia - ha proseguito Dawn - non potevamo nemmeno lontanamente pensare di mettere al mondo un altro bambino". Dopo 20 anni, però, è accaduto qualcosa di incredibile. 

L'associazione che si era occupata dell'adozione di Becky, ha contattato i due coniugi e gli ha detto che la ragazza aveva chiesto di incontrarli e così è stato. La paura di quel momento era tantissima sia per Dawn che per suo marito, ma, al di là di qualsiasi aspettativa, la conoscenza è andata molto bene e per qualche tempo il legame tra loro si è stabilizzato. La positività di tale situazione è stata tale che la donna ha deciso finalmente di parlare a Mikayla della sorella. 

Advertisement

Pxhere - Not the actual photo

La ragazza è stata colpita profondamente dalla cosa, secondo quanto raccontato dalla mamma, e ha chiesto di incontrare la sua gemella. Pensare di aver desiderato per tanto tempo una sorella e scoprire di averne sempre avuta una, non ha fatto altro che rallegrare Mikayla. Il momento dell'incontro è stato un tionfo di felicità, peccato che sia durato poco. Dopo qualche tempo, infatti, Becky ha deciso di chiudere di nuovo i rapporti con la famiglia d'origine e Dawn non ha potuto più vedere le sue figlie insieme. 

Speriamo solo che il futuro possa riservargli ancora qualche sorpresa e che Becky, prima o poi, possa tornare a ricongiungersi con loro. 

Advertisement