In casa per il lockdown, un bimbo di 9 anni disegna tutti i suoi compagni di classe in posa: gli manca la scuola - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
In casa per il lockdown, un bimbo di…
A 113 anni sconfigge il Covid-19 solo con sintomi lievi: è la donna più anziana di Spagna a guarire dal virus Estate 2020 e Coronavirus: i bagnini non potranno più effettuare la respirazione bocca a bocca

In casa per il lockdown, un bimbo di 9 anni disegna tutti i suoi compagni di classe in posa: gli manca la scuola

14 Maggio 2020 • di Simone Fabriziani
1.328
Advertisement

Quando i bambini sono costretti a casa per lunghissimi mesi a causa delle restrizioni durissime dovute al lockdown, la creatività e l'ispirazione giocano con la nostalgia di tornare al più presto tra i banchi. Così, in attese della riapertura delle scuole in Italia, il piccolo Francesco di 9 anni, alunno dell'Istituto Scalarandi di Torino, ha gettato tutta la sua creatività artistica e tutta la sua nostalgia de compagni di classe che ha realizzato uno stilizzato disegno che sta commuovendo tutti.

Francesco ha 9 anni, frequenta la scuola primaria a Torino. Ha disegnato tutta la sua classe e l’ha mandata ai suoi...

Pubblicato da Anna Ascani su Domenica 10 maggio 2020

Il disegno del bambino di 9 anni ritrae tutta la classe in posa per la tradizionale fotografia di fine anno e, nonostante il lockdown delle scuole sia iniziato a Torino dal 21 febbraio (subito dopo le festività del Carnevale), la mancanza dei banchi di scuola e dei volti dei compagni si fa sentire grandemente. Per questo il genuino e commovente disegno di Francesco è arrivato anche alla vice-ministra per l'Istruzione Anna Ascani, che in un  post su Facebook ha dichiarato: 

"Francesco ha 9 anni, frequenta la scuola primaria a Torino.
Ha disegnato tutta la sua classe e l’ha mandata ai suoi compagni, scrivendo: “visto che quest’anno non possiamo fare la foto di classe, ci ho pensato io”.

Questo virus non ha permesso a tanti bambini di abbracciarsi e condividere momenti di socialità, elementi fondamentali quanto l’apprendimento.
Quando ho ricevuto questa foto, però, ho anche pensato alla loro capacità di dare risposte alle abitudini compromesse dall’obbligo di distanziamento sociale.

In queste ore, con il Comitato di esperti guidato dal Prof. Bianchi e gli enti locali, stiamo immaginando tre differenti scenari per il rientro, a seconda dell’andamento dell’epidemia. Siamo consapevoli che i più piccoli hanno assolutamente bisogno di recuperare le relazioni in presenza: per permetterlo pensiamo a gruppi più piccoli, con più attività da affiancare a quelle ordinarie come musica, arte, sport, creatività digitale e laboratori, da svolgere anche in altri spazi."

Bravissimo Francesco, il tuo splendido disegno ci dimostra più di mille parole come la scuola, vissuta non solo come fredda istituzione, sia un luogo essenziale di crescita interiore!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie