Dopo i terremoti, le tempeste solari e gli uragani cosa dobbiamo aspettarci? - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Dopo i terremoti, le tempeste solari…
Non ci crederete quando scoprirete cosa riveste con dello spago per ottenere questa semplice decorazione! Una fabbrica di succo scarica tonnellate di bucce d'arancia in un terreno incolto, creando un'autentica foresta

Dopo i terremoti, le tempeste solari e gli uragani cosa dobbiamo aspettarci?

11 Settembre 2017 • di Claudia Melucci
9.057
Advertisement

Il suolo su cui poggiano i nostri piedi sembra essere in ribellione: e i toni pacati che si usano ancora per parlare della situazione ambientale attuale servono solo ad edulcorare un momento tragico. Ci eravamo tutti stancati di sentir parlare dei cambiamenti climatici, convinti che fosse un tema per distogliere l'attenzione da fatti più concreti e reali, e forse è stato così: ma l'errore di tutti è stato quelli di considerarli inesistenti, una realtà che non si sarebbe mai avverata. E invece eccoci qui a fare i conti con il nostro Pianeta che cambia. 

Il Pianeta sta rispondendo alle sollecitazioni dell'uomo: inquinamento, sfruttamento del suolo, gas serra, incremento della temperatura.

Abbiamo appena passato una settimana alquanto straordinaria sotto tutti i punti di vista. Il mondo è stato scosso da un forte fenomeno naturale: il violento terremoto del Messico e la conseguente allerta tsunami, gli uragani che stanno portando morte lungo la costa sud-occidentale dell'America e come se non bastasse la tempesta magnetica, la più intensa degli ultimi 11 anni. 

Eppure non ci è ancora così chiaro che la Terra sta semplicemente rispondendo all'abuso che ne abbiamo fatto fino ad ora, alla mancanza di consapevolezza e responsabilità. E le conseguenze di ciò sono gente senza più una casa o una famiglia, animali dispersi o uccisi, città rase al suolo. 

La tempesta magnetica è stata così intensa che in molti casi ha interrotto le comunicazioni, confuso segnali Gps e ha portato aurore spettacolari anche laddove normalmente non ce ne sono.

Quasi contemporaneamente un terremoto di magnitudo 8,2 ha fatto tremare il territorio del Messico, non se ne sentivano così forti da più di 30 anni. Decine di persone hanno perso la vita, altre hanno perso la casa, la famiglia e la tranquillità. Dopo il terremoto è arrivata la paura dello tsunami che avrebbe potuto colpire le città costiere. 

Non è finita qui: 3 uragani, chiamati Irma, Jose e Kate, hanno devastato le isole del Mar dei Caraibi, la Florida Cuba e la Repubblica Dominicana. La potenza massima raggiunta è stata 4 su una scala di 5 stadi. È la prima volta che un numero così elevato di uragani colpisce il territorio costiero in una sola stagione. Ad oggi sono 3 milioni le persone che non possono usufruire della corrente elettrica, molti altri sono senza acqua potabile e il 90% delle strutture sono compromesse. 

In sole 48 ore si sono verificati tre uragani, tempeste solari, terremoti e 8 allerte tsunami.

Se questo è un avvertimento di quello a cui dovremmo fare l'abitudine, non pensiamo che sia un monito efficace: l'uomo ha davvero l'ultima possibilità per invertire il senso di marcia verso un cambiamento negativo vicinissimo. 

 

Immagine: Nasa/FlickrNOAA/Wikimedia

Advertisement

Lascia il tuo commento!

x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie