In Bulgaria, il freddo ha congelato le cicogne: l'impegno della comunità per salvarle è commovente - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
In Bulgaria, il freddo ha congelato…
17 coppie che sono riuscite a tornare in forma grazie alla motivazione reciproca 12 foto che dimostrano che i bambini sono la salvezza dell'umanità

In Bulgaria, il freddo ha congelato le cicogne: l'impegno della comunità per salvarle è commovente

25 Marzo 2018 • di Claudia Melucci
2.072
Advertisement

Quella che vi stiamo per raccontare è una notizia che suscita emozioni contrastanti: da un lato c'è il timore che incute il meteo, che ultimamente sta sconvolgendo il ciclo delle stagioni, dall'altro la felicità nel vedere una popolazione intera mobilitarsi a favore degli animali.

Tutto è successo in Bulgaria, in cui migliaia di cicogne rischiano di morire per il freddo che non accenna a lasciare spazio alla primavera. Le cicogne ogni anno sono di passaggio in Bulgaria e in altri paesi dell'est Europa, ma stavolta hanno trovato molte difficoltà a proseguire nel loro viaggio intercontinentale. 

via: blitz.bg

In molti paesi della Bulgaria, gli abitanti hanno trovato le cicogne appoggiate al suolo completamente congelate.

immagine: blitz.bg

Gli esperti dicono che il freddo abbia congelato le loro ali e gli uccelli, impossibilitati a volare sui fili o sugli alberi, siano stati costretti a trascorrere la notte sul suolo. 

Sono molte le persone che non sono restate con le mani in mano, ma si sono mosse per salvare un animale che sta molto a cuore ai bulgari.

immagine: blitz.bg

Le cicogne sono state portate all'interno delle abitazioni, dei garage e delle rimesse per animali: gli abitanti dei villaggi di campagna hanno provveduto a tenere al caldo le cicogne, ognuno con i propri mezzi. 

Advertisement

La gente si prenderà cura di loro fin quando il tempo non si sarà rimesso.

immagine: blitz.bg

Le autorità locali hanno raccomandato la popolazione di non forzare le cicogne e di lasciarle libere non appena sarà possibile: questo per non creare troppi cambiamenti nel loro viaggio e per permettere loro di ricompattarsi in gruppo. 

Anche il comune di uno dei paesi che ha visto un numero maggiore di cicogne congelate ha dato il buon esempio: ha ospitato all'interno dei suoi spazi ben 20 uccelli.

immagine: blitz.bg

Le cicogne non si sono opposte al trasporto, in parte impossibilitate a muoversi e in parte (ci piace pensare) consce dell'aiuto che stavano ricevendo.

immagine: blitz.bg
Advertisement

Anche altri pennuti sono stati colpiti dal freddo gelido, ed anche loro sono stati messi in salvo: verranno rimessi in libertà non appena sarà sicuro!

immagine: blitz.bg

Gli abitanti dei villaggi, abituati ad avere a che fare con le cicogne, conoscono bene le loro necessità: hanno acquistato in gruppo del pesce per sfamare le cicogne affamate. 

Leggendo questa notizia siamo stati colpiti (negativamente) da un evento che gli stessi bulgari definiscono eccezionale: mai prima d'ora gli uomini erano dovuti intervenire per salvare le cicogne, altrimenti destinate a morire. Tutto riconducibile ad un meteo che sta gettando in confusione l'intera Europa (e non solo). D'altra parte, per una volta, ci provoca un immenso piacere vedere intere comunità impegnate a salvaguardare gli animali e a mettere in priorità i loro bisogni!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie