Moglie lascia il marito perché una sensitiva le dice che è infedele: "si è pentita, ma io voglio divorziare"

Isabella Ripoli image
di Isabella Ripoli

03 Giugno 2024

Advertisement

Cosa dev'esserci alla base di un grande amore? La fiducia è l'ingrediente che non può mai mancare in un rapporto che possa dirsi stabile, profondo e duraturo. Quando questa viene a mancare, cadono le fondamenta della relazione e rimetterla in piedi potrebbe essere davvero complicato.

Nella storia in questione un uomo si è confidato sul web rispetto a un grande problema avuto con la moglie. Quest'ultima, dopo aver parlato con una sua amica sensitiva, si è convinta per lungo tempo che il marito la tradisse. Non riuscendo a convincerla del contrario, lui non ha avuto alternative ed è arrivato a prendere una drastica decisione.

Advertisement

Come si è generata la rottura?

Un post su Reddit ha fatto da sfogo per un uomo che, stanco di quanto stava vivendo con la moglie, si è rivolto agli altri per sapere come comportarsi e cosa fare per gestire la tragica circostanza in cui si trovava.

"Ho incontrato mia moglie Rhona al college - ha esordito l'autore del messaggio - Dopo gli studi ci siamo trasferiti nella sua città natale e, prima di sposarci, abbiamo convissuto per due anni. Al nostro matrimonio ho conosciuto Anna, un'amica di mia moglie, una sensitiva che mi ha letto la mano proprio in quell'occasione. Da quel momento l'abbiamo vista pochissimo perché abita lontano, ma l'ultima volta che è venuta nella nostra città è accaduto qualcosa di strano". 

A quanto pare, l'amica della moglie ha iniziato a seguirlo, a controllarlo, a chiedere il suo cellulare per fare chiamate pur avendone uno suo: insomma, voleva conoscere i suoi movimenti e sapere cosa faceva. Perché? La sensitiva era convinta che lui fosse infedele a Rhona, e la cosa assurda è stata che la donna credeva all'amica e non all'amore che il marito sosteneva di provare per lei.

Advertisement

Dopo tanti tentativi è arrivato a una decisione drastica

cottonbro studio/Pexels

"Amo mia moglie e non farei nulla per farla stare male - ha confessato l'uomo - ma lei ha fiducia più in Anna che in me ed è andata via di casa per tornare dai suoi genitori". Da quell'istante l'uomo ha fatto l'impossibile per convincerla che non c'era nessun'altra relazione e che l'unica donna della sua vita era lei, ma non è stato possibile. Ecco che, dopo tanti mesi, questo marito ha preso la decisione di divorziare e solo in quel momento, avendolo fatto pedinare da un investigatore e non avendo trovato prove di tradimento, la moglie voleva tornare con lui. 

A quel punto, però, era impossibile rimettere a posto i cocci della relazione. Per il nostro protagonista la profonda mancanza di fiducia aveva minato le fondamenta del sentimento e nulla poteva rimettere in sesto le cose. Stava sbagliando?

Gli utenti del web hanno sostenuto l'uomo, incoraggiandolo a divorziare da una donna che con molte probabilità non lo amava davvero e che, in futuro, avrebbe potuto fare anche peggio, visto il comportamento messo in atto.

A chi dare ragione?

cottonbro studio/Pexels

Magari qualcuno può capire bene cos'è accaduto perché ha vissuto un'esperienza simile in prima persona, oppure può immaginare le sensazioni provate. Temere un tradimento è qualcosa di frustrante e negativo, ma accusare qualcuno sulla base soltanto della lettura di una mano e dei sospetti di una terza persona non andrebbe fatto. Ecco perché questo marito, alla fine, ha elaborato la faccenda, e se prima il suo unico scopo era riconquistare la moglie, ha poi deciso di abbandonare la sua lotta e di lasciarla andare. 

Per te ha fatto bene o avrebbe potuto pensarci un attimo in più?

Source:

Reddit

Advertisement