La natura si riappropria di un meraviglioso castello reale francese: il risultato è magico - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La natura si riappropria di un meraviglioso…
Stanno giocando a palla in spiaggia... ma quando arriva il turno del cane? Wow! Una mamma mostra come fa addormentare il suo bambino... In meno di un minuto!

La natura si riappropria di un meraviglioso castello reale francese: il risultato è magico

8.972
Advertisement

Gli amanti di castelli abbandonati, ridotti ormai a ruderi, impazziranno per questo esemplare: è una delle mete preferite dai viaggiatori che visitano la Francia occidentale, in particolare la regione di Poitou-Charentes, dove il castello si trova. 

Il suo nome esatto è Château de la Mothe-Chandeniers, un enorme edificio medievale, costruito nel bel mezzo di un fitto bosco. Un tempo villa lussuosa della famiglia Bauçay, oggi è abbandonato a se stesso, o meglio alla natura, che giorno dopo giorno invade un nuovo spazio del castello.

Ecco la sua storia.

Il castello si trova nel paese di Les Trois-Moutiers, un villaggio di poco più di 1000 anime.

immagine: Infraredd

Risale al 13° secolo, quando la famiglia Bauçay, dipendente direttamente dal Re di Francia, decise di munirsi di una prosperosa roccaforte.

immagine: Infraredd
Advertisement

Durante il Medioevo fu conquistato per ben due volte dagli inglesi. In questo periodo venne usato come luogo di sontuose feste e celebrazioni.

immagine: Infraredd

La rivoluzione francese portò alla distruzione di ogni simbolo residuo dell'antico potere feudale: tra i bersagli cadde anche questo castello, che venne depredato e abbandonato.

A partire dal 19° secolo iniziarono numerosi interventi di restauro, per riportare alla luce l'antico splendore di questo palazzo, già segnato profondamente dagli eventi vissuti.

Advertisement

Durante i primi anni del 1800 un ricco uomo d'affari prese in mano la ristrutturazione, aggiungendo alla residenza un vigneto.

Queste foto in bianco e nero, precedenti al 1932, sono una delle poche testimonianze dell'aspetto del castello negli anni passati. 

Advertisement

Ma nel 1932 un incredibile episodio ha modificato in modo indelebile il destino della reggia: un incendio divampato al suo interno lo ha distrutto quasi totalmente.

L'antica biblioteca, gli arazzi sulle pareti, i mobili e i preziosi dipinti che il castello custodiva, tutto si trovò avvolto dalle fiamme.

Advertisement

Soltanto la cappella e la piccionaia risultarono lievemente danneggiate dal fuoco.

immagine: Infraredd

In seguito a questo drammatico evento lo Château de la Mothe-Chandeniers non venne mai più abitato, ed ha cominciato ad assumere l'aspetto con cui oggi incanta i suoi visitatori.

immagine: Infraredd

Diversi tentativi sono stati fatti per risollevare la reggia dallo stato di abbandono, ma sia interventi privati che pubblici non hanno potuto fare molto.

immagine: Infraredd

Alberi, rovi, piante rampicanti e animali del bosco ormai si stanno riappropriando del terreno che secoli fa è stato loro tolto, per ospitare l'affascinante castello.

immagine: Infraredd

Nonostante gli anni di negligenza che hanno colpito il palazzo, la sua eleganza rimane ancora così elevata che risulta difficile parlare di degrado.

immagine: Infraredd

Nonostante tutto lo Château de la Mothe-Chandeniers, con la sua bellezza in declino, offre ancora uno spettacolo mozzafiato.

immagine: Infraredd

Le fotografie che lo ritraggono da ogni punto di vista non riescono comunque a rendere giustizia alla sua reale maestosità.

immagine: Infraredd

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie