Un'elefantessa "piange" di gioia quando viene liberata dopo aver passato la vita tra prigionia e maltrattamenti - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un'elefantessa "piange" di gioia quando…
Una donna approfitta del sonnellino del figlio piccolo per andare a correre, lasciandolo solo in casa La dedica di una figlia al padre con Sindrome di Down, che in 50 anni non le ha mai fatto mancare il suo amore

Un'elefantessa "piange" di gioia quando viene liberata dopo aver passato la vita tra prigionia e maltrattamenti

16 Agosto 2020 • di Davide Bert
3.646
Advertisement

L’essere umano è una fonte inesauribile di contraddizioni. Anche nell’interazione con gli animali, gli individui hanno atteggiamenti opposti. C’è chi li "rende umani" rasentando l’assurdo o il ridicolo.

Dall’altro lato, c’è chi ancora oggi continua a considerarli forme di vita inferiori, fatte  per essere sfruttate e schiavizzate. Per fortuna esiste chi vive e lavora nel mezzo, e con la sua opera contribuisce a rendere il mondo un posto migliore.

La storia di oggi parla di un amico a quattro zampe diverso dal solito. Infatti non si tratta né di un cane né di un gatto, bensì di un elefante. Il suo nome è Sook Jai, un esemplare femmina di 73 anni che vive in Thailandia. Il maestoso pachiderma ha trascorso la sua intera esistenza in prigionia. È stata costretta a lavorare come mezzo di trasporto nel trekking turistico e come attrazione locale.

Con il tempo la sua salute è peggiorata. Ha perso la vista, parte dell’udito e le forze sono cominciate a venire meno. È passata da un padrone all’altro, subendo spesso abusi e maltrattamenti. Le numerose cicatrici sul suo corpo testimoniano la ferocia con cui è stata trattata. Per fortuna gli operatori della Save Elephant Foundation sono venuti a conoscenza della situazione e sono intervenuti.

Advertisement

Sook Jai è stata prelevata dall’ultimo proprietario e condotta presso la riserva dell’Elephant Nature Park.Durante il percorso durato più di 20 ore, i volontari hanno cercato di riscaldare il camion dove l’animale stava viaggiando, e di rinfrescarlo mentre attraversavano le zone più torride. Quando finalmente è arrivata nella sua nuova casa, Sook Jai ha avuto una reazione che ha commosso tutti.

Nonostante fosse ormai cieca, ha capito di essere in salvo, e ha cominciato a piangere. Alcune immagini hanno immortalato le lacrime che non sgorgavano dai suoi grandi occhi spenti, ma direttamente dal cuore. Gli elefanti, in effetti, essendo dotati di spiccate capacità emotive e mnemoniche, possono essere capaci di esternare le loro emozioni in questo modo.

Per questa anziana elefantessa è finalmente finito il tempo della fatica, del dolore e della paura. Ora è in un luogo sicuro circondata da persone che si prenderanno cura di lei. Potrà vivere il resto dei suoi anni in pace, e soprattutto libera.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie