Dopo aver perso 77 kg, questa ragazza deve affrontare un'altra battaglia: la sua storia ci insegna una lezione - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Dopo aver perso 77 kg, questa ragazza…
Ecco perché l'Ariete è un partner per cui vale la pena lottare 27 foto che ci dimostrano quanto un gatto in casa possa portare amore... e tanto caos

Dopo aver perso 77 kg, questa ragazza deve affrontare un'altra battaglia: la sua storia ci insegna una lezione

1.479
Advertisement

Nella vita è importante avere degli obiettivi; tuttavia, è piuttosto facile definirli e fissarli: la parte difficile è impegnarsi quotidianamente per realizzarli. È necessario armarsi di perseveranza, determinazione, coraggio e forza in gran quantità per non soccombere alle abitudini del passato mentre si tira dritto verso la propria meta – ma anche e soprattutto dopo averla raggiunta.

È quanto insegna la storia di Jessica Beniquez, che, dopo aver faticosamente realizzato il suo sogno, ha dimostrato di avere la tenacia di affrontare una nuova temibile sfida, senza perdere di vista l'altro grandioso risultato raggiunto.

immagine: jessica/instagram

A 20 anni, Jessica pesava 145 kg, a causa di una cattiva ed eccessiva alimentazione e di uno stile di vita sedentario e sbagliato – "Tutto ciò che facevo era lavorare, mangiare (il mio snack preferito erano cracker e crema di formaggio) e guardare la TV".

Per tutta la vita aveva lottato con il suo peso: "Da bambina, ero molto schizzinosa: mangiavo solo pasta, pepite di pollo e patatine fritte (ovvero carboidrati a base di carboidrati) e raramente verdure". Le cose erano peggiorate una volta ottenuto il suo primo lavoro: con i soldi extra, infatti, mangiava spesso nei fast food, e dopo il diploma, vi andava a colazione, pranzo e cena.

Poi, a 19 anni le era stata diagnosticata l'ipertensione, e aveva dovuto prendere un farmaco, ma non aveva colto l'occasione per attuare un cambiamento radicale. Un giorno però si rese conto che non poteva continuare ad ignorare la sua condizione fisica. "Mi sono chiesta: 'Che cosa sto facendo?' Avevo sempre voluto cambiare, ma non avevo mai preso l'iniziativa". 

Tuttavia le occorse del tempo per capire come intraprendere questo cambiamento: "All'inizio consumavo un po' di frullati. Dato che ero un tipo schizzinoso, non sapevo necessariamente da dove cominciare, sembravano l'opzione più semplice. Dopo tre mesi passati a fare due frullati al giorno e un pasto, sono sceso a un frullato al giorno e due pasti, ma alla fine li ho abbandonati del tutto". 

Advertisement

cibo

È così passata gradualmente ad alimenti più sani e pasti più completi, provando cose nuove, fino ad eliminare totalmente la soda dalla dieta. A pranzo, ad esempio, mangia due pezzi di pane integrale con mezzo avocado e uova, più una ciotola di frutta mista. Col tempo, ha infine capito che non voleva concentrarsi tanto su ciò che mangiava, quanto piuttosto sulla quantità: così, attraverso il controllo delle porzioni ha ottenuto risultati via via sempre più incredibili.

"Mi piace poter mangiare ciò che voglio con moderazione. Se una volta ogni tanto desidero una scodella di gelato o un biscotto, me lo concedo – dire "no" alle cose non funziona per me".

Contemporaneamente ha cominciato a fare sport; all'inizio semplici passeggiate serali e qualche esercizio di fitness su internet, poi col supporto di un personal trainer, fino ad andare in palestra tutti i giorni.

Il risultato è stato grandioso: in 17 mesi ha perso 77 kg. Allora si è sottoposta ad un intervento chirurgico per rimuovere la pelle in eccesso sullo stomaco, nonostante la paura del dolore ed il costo dell'operazione. In totale le sono stati rimossi 5,5 kg di pelle. "Ho passato circa una settimana di dolore intenso dopo l'intervento chirurgico, ma dopo ho ripreso a fare passeggiate all'esterno e lentamente sono tornata alla mia vita normale.

Sembrava che tutto andasse a meraviglia, quando fece una scoperta terribile: un linfoma Hodgkin. Aveva notato un linfonodo gonfio sotto l'ascella, attribuendolo agli allenamenti; tuttavia la madre le consigliò di fare subito degli accertamenti: il padre infatti aveva avuto un linfoma simile.

Attualmente Jessica fa chemioterapia e continua a lottare, nonostante a volte la stanchezza sia tanta; però ora ha sviluppato una forza interiore che le consente di perseguire con tenacia i suoi obiettivi. Nel frattempo, continua con moderazione ad andare in palestra e correre, perché la fa sentire bene. 

 

Advertisement

"Ho giorni bui, ma sono fortunata di poter fare molte cose. Voglio mostrare agli altri che niente è impossibile, e che ognuno può fare qualsiasi cosa decida, indipendentemente dalla sua situazione."

Ringraziamo Jessica per le sue parole ed il suo esempio, e le auguriamo di guarire del tutto il prima possibile!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie