I ricercatori cinesi creano un pannello solare "ibrido" che produce energia anche dalla pioggia - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
I ricercatori cinesi creano un pannello…
Una mamma di 98 anni si trasferisce nella casa di riposo per badare al figlio di 80 anni Questa super-testuggine è riuscita a salvare dall'estinzione la sua intera specie

I ricercatori cinesi creano un pannello solare "ibrido" che produce energia anche dalla pioggia

1.322
Advertisement

Con la crescente richiesta di energia elettrica e le riserve non rinnovabili in diminuzione, ricorrere alle fonti di energia green è sempre più comune. Tra queste, la principale è senza dubbio quella solare, perché permette di ottenere un buon rendimento con costi e implementazioni contenute.

Ma qual è il problema di un approvvigionamento energetico basato soltanto sul sole? Ovviamente il maltempo! Per questo un team di ricercatori cinesi dell'Università di Soochow si è concentrato nel trovare soluzioni aggiuntive, che permettano al pannello solare di poter contare su opzioni di emergenza in caso di tempo non soleggiato. La risposta sembra arrivare dalla pioggia.

Gli scienziati hanno pensato di affidarsi all'effetto triboelettrico, quello per cui si trasferisce una carica elettrica attraverso la frizione tra due materiali. Allo stesso modo in cui si cerca di produrre energia dal movimento delle ruote o dai passi delle persone, si è pensato di sfruttare lo scorrimento delle gocce d'acqua sul pannello solare.

I nano-generatori triboelettrici (TENG) vengono sovrapposti al pannello fotovoltaico stendendo due strati di polimeri che reagiscono al movimento dell'acqua, grazie anche a delle micro scanalature simili a quelle dei DVD; i due strati sono ovviamente trasparenti, in modo da permettere al pannello sottostante di svolgere la sua funzione in caso di tempo stabile.

La potenza attualmente generata dal sistema non è elevatissima, ma i ricercatori sono soddisfatti che si sia appurato che funzioni: adesso bisognerà lavorare sulla capacità generatrice per renderla più efficiente possibile.

Rispetto alle precedenti sperimentazioni simili a questa, la tecnologia messa a punto è molto più semplice a livello tecnologico e meno dispendiosa, perciò permette ottimi margini tra il costo e il rientro in termini di energia. Ricavare energia verde nei giorni di sole e nei giorni di pioggia... questa è l'innovazione che ci piace!

Sources: New Atlas

Advertisement

Lascia il tuo commento!

x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie