Ecco perché liberare un pesce rosso nell'ambiente può essere molto pericoloso - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Ecco perché liberare un pesce rosso…
19 invenzioni che riterrai essere indispensabili nella tua vita 10 oggetti che in origine avevano un uso del tutto diverso da quello che conosciamo

Ecco perché liberare un pesce rosso nell'ambiente può essere molto pericoloso

4.346
Advertisement

Una delle minacce principali al delicato equilibrio di un ecosistema è costituita dall'introduzione di specie estranee da parte dell'uomo. Troppo spesso infatti, quando ci si vuole sbarazzare di un animale o di una pianta, li si immette in natura senza badare alle possibili conseguenze.

A tal proposito in Australia è stato condotto un preoccupante studio su un animale che ci riguarda molto da vicino: il pesce rosso (Carassius auratus) originario dell'Asia orientale. Si è notato infatti che in quei territori, come in molte altre parti del globo, questi animali vengono frequentemente liberati nei fiumi o nei laghi quando i loro possessori si stancano di tenerli con sé.

A volte, addirittura, vengono liberati per "offrire loro una vita migliore", senza avere la minima idea della minaccia che possono rappresentare.

immagine: its-interesting

Se l'innocuo pesciolino, costretto povero lui nella nostra boccia di vetro, ci sembra così innocuo, in natura si trasforma completamente. Con un'alimentazione variegata e molto spazio a disposizione può arrivare a dimensioni notevoli (oltre 20 cm), al pari delle trote o delle carpe.

Poiché appartiene ad una specie non autoctona, gli altri abitanti degli specchi d'acqua non sono equipaggiati per fronteggiarlo: il famelico pesciolino divora uova di pesci, girini, avannotti e piante, mettendo a rischio l'equilibrio della catena alimentare del suo habitat.

A peggiorare il tutto c'è anche la sua propensione alla migrazione: lo studio ha rilevato che i pesci rossi in natura percorrono anche 200 km in un anno!

immagine: its-interesting

Oltre a saccheggiare l'ambiente, un pesciolino rosso può immettere virus e batteri "estranei", contro i quali i pesci autoctoni non hanno alcuna difesa immunitaria. Per questo, anche quando è morto, non andrebbe MAI gettato nel gabinetto!

Advertisement
immagine: boston.com

In conclusione, se hai ricevuto in regalo o hai acquistato un pesce rosso e non sai cosa fartene, cerca magari qualcuno a cui regalarlo, metti un annuncio su internet o al massimo prova a chiedere se il negozio lo vuole indietro. Liberarlo nell'ambiente è la cosa più sciocca che si possa fare!

immagine: washingtonpost.com

Costruire una cultura ambientale non è facile, ma di certo nemmeno impossibile: condividi queste informazioni e insegna (soprattutto ai più piccoli) che il rispetto della natura è fatto di piccoli gesti quotidiani.

Tags: AnimaliPesci
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie