Lascia che il figlio disegni sul muro: a 4 anni diventa un bravissimo artista

Isabella Ripoli image
di Isabella Ripoli

30 Dicembre 2023

Lascia che il figlio disegni sul muro: a 4 anni diventa un bravissimo artista
Advertisement

Tutti noi abbiamo delle velleità, delle cose per cui siamo più o meno portati. In età adulta si manifestano abbondantemente, ma non è detto che questo non accada già quando si è in tenera età. Ci sono bambini, infatti, che già a pochi mesi di vita riescono a portare a galla le loro passioni e, in qualche modo, a metterle in pratica. 

Un esempio in tal senso è rappresentato dal bimbo di cui vogliamo parlarvi, un piccolino che a soli 10 mesi ha iniziato a maturare e a dimostrare il suo estro artistico. Ma vediamo meglio la sua storia.

Advertisement

Un artista in erba...

Un artista in erba...

Rawpixel - Not the actual photo

Santiago Daniel Peña Garcia è un bimbo di 4 anni peruviano che ha stupito tutti grazie alle sue spettacolari doti artistiche. A farlo conoscere al grande pubblico è stata sua mamma, Adianée Peña García, la quale ha raccontato di come sia nata questa passione nel bimbo sin da quando era molto piccolo. 

"Ha iniziato a disegnare da quando aveva 10 mesi - ha confessato la donna - gli piaceva scarabocchiare ovunque, soprattutto sui muri di casa e l'ho lasciato fare. Molti genitori vietano questa cosa, ma io vedevo che lo amava, che si divertiva e non me la sentivo di fermarlo. Appena è stato in grado di reggersi in piedi da solo e di camminare, ha dato il via a questa sua grande passione". 

Così il figlio ha mosso i primi passi nel mondo dell'arte, fino ad arrivare all'età di 4 anni, quando è diventato un piccolo artista.

Advertisement

Tutto ha avuto inizio da uno scarabocchio

Tutto ha avuto inizio da uno scarabocchio

Needpix - Not the actual photo

Santiago, dunque, ha iniziato a coltivare sin da subito la sua passione per l'arte, riuscendo a portarla avanti man mano che cresceva. A 4 anni non ha abbandonato e il suo estro artistico si manifesta ancora, ma questa volta non sui muri, bensì sulla tela. Mamma Adianée ha raccontato che dipinge per almeno 40 minuti al giorno e a volte anche per un'ora. La sua massima fonte d'ispirazione sono i cartoni animati, soprattutto quelli preferiti, e ama trasportare sulla tela le immagini che più gli restano nella mente. 

Tutto, come dicevamo, ha avuto inizio da quegli scarabocchi sul muro che non tutti i genitori avrebbero permesso, ma che secondo la sua mamma sono stati fondamentali per farlo diventare un piccolo artista. Se lei non l'avesse permesso probabilmente la sua passione non sarebbe andata così avanti. 

"Credo che consentire ai bimbi di esprimersi al massimo, anche facendo marachelle del genere e scrivendo sui muri, sia molto importante - ha confessato ancora la giovane mamma - Ci sono persone che lo vietano, ma Santiago era così felice mentre lo faceva che non me la sentivo di fermarlo. Quando ha iniziato abitavamo in una casa in affitto e mio fratello che stava con noi non era affatto d'accordo, ma poi ha visto la sua gioia e ha acconsentito anche lui - ha dichiarato ancora - Certo, prima di andare via abbiamo dovuto ridipingere tutte le pareti di casa, ma il mio piccolo aveva avuto modo di esprimersi al massimo". 

L'educazione di un figlio...

L'educazione di un figlio...

cottonbro studio/Pexels

Ecco, dunque, che Santiago si è trasformato col tempo in un artista che ama dedicare ogni giorno qualche istante del suo tempo a questa passione. Certo, non tutti i bambini che disegnano sui muri saranno da grandi dei pittori, ma non è detto che questo "permesso" non contribuisca. 

Educare un figlio non è per niente facile e diventa necessario imporre regole anche ferree per evitare che ci sia anarchia, disordine e caos nella sua giovanissima vita. Viceversa si rischierebbe di non dare nessuna linea guida al piccolo, ma solo di insegnargli che tutto è possibile. Tuttavia, in questo caso consentire di fare una cosa "fuori da comune" non ha fatto altro che giovare al piccolo Santiago, contribuendo in modo significativo alla sua realizzazione. E chissà che questo non lo porti davvero verso un roseo futuro nel mondo dell'arte. 

Noi lo speriamo con tutto il cuore, e gli auguriamo di poter sviluppare sempre di più la sua passione e la sua voglia di fare arte. In bocca al lupo, piccolo Santiago!

Advertisement