Un nuovissimo macchinario progettato da un italiano brucia i tumori nel giro di pochi secondi - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un nuovissimo macchinario progettato…
Una donna disabile trova un biglietto sgradevole sul parabrezza: in migliaia applaudono la sua risposta Magnesio: ecco perché non dovresti MAI farlo mancare nella tua dieta quotidiana

Un nuovissimo macchinario progettato da un italiano brucia i tumori nel giro di pochi secondi

3.736
Advertisement

I nomi italiani nel mondo continuano a firmare i più importanti studi scientifici e a portare alto il valore dell'insegnamento della scuola italiana. Stavolta è il turno di Gabriele Grittani, giovane fisico barese, presente tra gli sviluppatori di un innovativo macchinario per la lotta ai tumori.

Il macchinario si è rivelato fin da subito molto efficace ed il suo funzionamento è tra i più avanzati sul campo, tanto che il team di cui Grittani fa parte ha già firmato il brevetto. 

Gabriele Grittani è originario di Bari, ma la sua passione per la scienza lo ha portato presto in giro per l'Italia e per il mondo. Anni di studi e sacrifici gli hanno valso la firma di un brevetto importantissimo per la sua carriera, ma soprattutto per l'umanità intera. 

I suoi ultimi studi, infatti, si sono concentrati sullo sviluppo di un macchinario avanzatissimo che sfrutta un fascio di elettroni per "bruciare" i tumori in pochi secondi. La tecnologia si è rivelata molto efficace ed al momento è in fase di sperimentazione nei pressi di un prestigioso centro di ricerca di Praga. 

In controtendenza rispetto ai diversi macchinari diffusi oggi per la lotta ai tumori, che sfruttano fasci di protoni, quello ideato dalla squadra di Grittani usa gli elettroni: particelle più veloci, leggere e sicure che restituiscono una terapia rapida, poco invasiva ed incredibilmente precisa. Al momento, i risultati migliori si sono avuti con il tumore alla prostata e al polmone, bruciati da più angolazioni dai precisissimi fasci di elettroni.

Il macchinario ha attirato l'attenzione di molto studiosi e non è escluso che, in poco tempo e soprattutto dopo aver passato i test clinici, possa essere distribuito nei centri di cura e che possa essere utile anche per gli altri tumori.

Fonte: https://www.mdpi.com/2076-3417/8/9/1565

Advertisement

Lascia il tuo commento!

30 Giugno 2013
7.813
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie