Alle bambine dobbiamo insegnare ad essere coraggiose, e non perfette - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Alle bambine dobbiamo insegnare ad essere…
Dedica il tuo tempo solo a chi se lo merita, perché quel tempo non lo riavrai mai più indietro L'angoscia della domenica pomeriggio: cos'è e come affrontarla

Alle bambine dobbiamo insegnare ad essere coraggiose, e non perfette

2.799
Advertisement

I bambini e le bambine affrontano le sfide in modo diverso. A dimostrarlo, negli anni '70 del secolo scorso, è stata una psicologa della Columbia University, che realizzò una serie di esperimenti con i bambini della quinta elementare, ponendoli di fronte allo svolgimento di compiti nuovi.

Si rese conto così che le bambine avevano più probabilità di abbandonare il compito e lo facevano, mediamente, prima che i bambini. È interessante notare che, quanto più le bambine erano brillanti, tanto più alto era il loro quoziente intellettivo e più velocemente gettavano la spugna. I bambini brillanti si comportarono, invece, in modo diverso, assumendo le novità come una sfida intellettuale che li riempiva d’energia e li motivava a intensificare gli sforzi.

Perché tutto ciò? In realtà, la maggior parte delle bambine superano i bambini in tutte le materie, compresa la matematica. Pertanto, la differenza nel loro comportamento non ha nulla a che fare con la mancanza di abilità o di conoscenza, ma piuttosto con il modo di affrontare le sfide.

immagine: unsplash

Le bambine cominciano a dubitare rapidamente delle loro capacità, perdono la fiducia in se stesse ed abbandonano l'attività, mente i bambini presumono di non poter risolvere i problemi perché questi sono più complicati. Le bambine sono anche abituate a pensare che le abilità siano immutabili, mentre i bambini suppongono che possono essere sviluppate attraverso lo sforzo.

Questi comportamenti vengono mantenuti nell'età adulta. Si è infatti notato che mediamente gli uomini si presentano a un colloquio di lavoro avendo solo il 60% delle capacità richieste. Al contrario, le donne trovano il coraggio di candidarsi per il posto di lavoro solo se dispongono del 100% dei requisiti.

immagine: unsplash

Un atteggiamento così diverso tra maschi e femmine deriva in primis dall'educazione, che insegna ai bambini ad essere coraggiosi e affrontare le sfide e alle bambine ad essere perfette e agire con cautela. Purtroppo, nell’inconscio collettivo sono tuttora radicate molte idee di definizione di genere. I genitori ancora oggi continuano a educare i figli maschi a non aver paura e non piangere, mentre le bambine sono educate a non mostrarsi sciatte, ad essere sempre perfette e comportarsi con moderazione.

Alle bambine viene insegnato a sorridere, devono ottenere buoni voti a scuola e viene proibito loro di tornare a casa coperte di fango, dopo aver giocato. Con i bambini i genitori tendono ad essere più permissivi, permettendo loro di giocare all’aria aperta, sporcarsi e arrampicarsi sugli alberi. In questo modo i maschi sono incoraggiati ad assumere dei rischi.

Advertisement
immagine: Unsplash

Al contrario, le bambine sono incoraggiate a evitare i rischi, viene chiesto loro di mantenersi in secondo piano, al sicuro e all’interno della loro zona di comfort. Così, inavvertitamente, i genitori limitano le potenzialità delle bambine.

Tuttavia, quando insegniamo alle bambine ad essere coraggiose, riescono a fare cose incredibili perché hanno un potenziale enorme. Fore è proprio di quello che abbiamo paura? ;-)

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie