Grazie alle foto fatte da un passante, questo papà ha potuto aprire un'attività e dare un futuro a sua figlia - GuardaCheVideo.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Grazie alle foto fatte da un passante,…
Questo NON è il modo per eliminare un nido di vespe dal giardino: il fail è epico La ragazza si avvicina al rettile: la sfida tra i due si fa acerrima

Grazie alle foto fatte da un passante, questo papà ha potuto aprire un'attività e dare un futuro a sua figlia

21.414
Advertisement

Lo scoppio di una guerra nel luogo in cui si vive significa tante cose: significa rischiare di perdere le persone che si amano, significa rischiare di non poter sfamare i proprio figli, significa rischiare di perdere il proprio lavoro.
È questa la situazione in cui si è trovato Abdul Halim al-Attar, un rifugiato siriano fuggito in Libano con la figlia. Una sua foto, scattata da un passante, è diventata virale fino a giungere alla persona che gli avrebbe cambiato la vita.

Abdul vendeva penne per le strade di Beirut con la figlia Reem in spalla, addormentata.

immagine: Twitter/GissiSim

E pensare che nel suo paese di origine era il manager di una fabbrica di cioccolato...

A vedere questi scatti è stato anche l'attivista islandese di base in Norvegia, Gissur Simonarson, che è risalito alla sua identità ed ha lanciato una campagna di raccolta fondi per aiutarlo.

immagine: Syria Ross

In poco tempo la sua iniziativa ha raccolto ben più di quanto richiesto inizialmente, fino a concludersi con oltre 190 mila dollari raccolti in quattro mesi.

Advertisement

Oggi Abdul e la piccola Reem non vivono più in strada...

immagine: hihearts.com

Perché grazie a quei soldi, Abdul ha potuto aprire ben tre attività, dando a sua volta lavoro ad altri 16 rifugiati siriani.

immagine: hihearts.com

L'uomo ha aperto un panificio, un negozio di kebab e un ristorante. I soldi avanzati sono stati donati ad altri rifugiati siriani in condizioni altrettanto critiche.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement
x

Per favore Accedi per caricare un video

Registrati tramite Facebook con 2 semplici click!
(Usiamo Facebook solo per velocizzare la registrazione e NON posteremo nulla sulla tua bacheca)

Accedi con Facebook

Ti è piaciuto il Video?

Clicca su "Mi piace" e non perderti i migliori della rete.

×

Già sono fan, grazie