"Mia moglie pretende che mi alzi all'alba per aiutare i nostri figli, non voglio perché per me sono autonomi"

Isabella Ripoli image
di Isabella Ripoli

16 Maggio 2024

Advertisement

I bambini dipendono dai genitori quasi in tutto e soprattutto prima di arrivare all'adolescenza quando iniziano a diventare più autonomi. Occuparsi di loro è normale e le cose da fare insieme tantissime. Questo comporta un grande impegno da parte delle mamme e dei papà, che non sempre è facile da tenere sotto controllo e potrebbe creare non poco stress. 

Sappiamo tutti, però, che l'aiuto reciproco nelle varie incombenze quotidiane è fondamentale per evitare di arrivare ad apici di stanchezza e temere di non farcela. Proprio da una situazione del genere si è generata la storia che stiamo per raccontarvi e in cui un marito ha parlato di quanto accaduto con la moglie.

Advertisement

In una coppia è fondamentale l'aiuto reciproco

Ron Lach/Pexels

Aiutarsi reciprocamente, prendere insieme le decisioni che riguardano i figli, dividere i compiti da svolgere in casa specialmente quando i figli sono più di uno ed entrambi i genitori lavorano sono tutte cose da cui non si può prescindere. Se questo apporto da entrambe le parti dovesse mancare, uno dei due si sentirebbe senza dubbio più stanco e, oltre a chiedere di più al compagno, la sensazione di non riuscire a gestire tutto potrebbe anche innescare litigi. 

I due membri di una coppia potrebbero anche trovarsi nella condizione di pensare che il proprio apporto è corretto e che non servirebbe molto altro per far andare avanti la famiglia, ma non è detto che l'altra metà sia d'accordo. Il papà in questione ha affermato proprio questo, sostenendo che la moglie si preoccupasse troppo per i figli che, dal punto di vista dell'uomo, potevano gestirsi da soli. Ma vi spieghiamo meglio quali sono gli aspetti su cui si è concentrato l'autore del post.

Advertisement

Cos'è successo?

Andrea Piacquadio/Pexels

"Abbiamo tre figli di 12, 10 e 8 anni - ha esordito l'uomo - lei mi dice di sentirsi sempre stanca e sopraffatta dalle mille cose da portare avanti durante la giornata. Io sono contento di aiutare, ma sembra sempre che non sia soddisfatta e credo che accada perché ha standard troppo alti. La mattina, ad esempio, insiste affinché uno di noi si alzi alle 6:45, in modo da aiutare i ragazzi a prepararsi - ha continuato - di solito lo fa lei, e in questo non le do un sostegno. Penso che i nostri figli siano ormai in grado di prepararsi e di fare colazione senza il nostro supporto. Ecco che accade che lei si alza mentre io resto a letto, salvo lamentarsi poi di questo mio comportamento"

Dunque, l'uomo non è d'accordo con le scelte della moglie e non si sente in errore se lei vuole mettersi "sotto pressione" da sola. È una sua decisione, motivo per cui lui non crede sia necessario il suo intervento rispetto a una cosa che non ritiene indispensabile. Un altro aspetto su cui focalizza l'attenzione riguarda il limite temporale di 2 ore, imposto sempre dalla donna, rispetto al rimanere davanti alla tv per tutti e tre i figli. Anche in questo caso non è importante stabilire regole troppo ferree per il papà, ma basterebbe controllare che abbiano completato i compiti e sbrigato tutti i loro doveri prima di concedersi il relax. 

Sbaglia nel pensarla in questo modo?

Da che parte sta la ragione?

Per gli utenti di Reddit non c'erano dubbi: ad essere in errore era assolutamente lui. I bambini non erano ancora così grandi e autonomi per occuparsi di tutto da soli ed era normale che lei volesse in qualche modo accompagnarli anche durante la preparazione prima di uscire la mattina per andare a scuola o da qualunque altra parte. Quello che alcune persone hanno fatto notare è quanto potesse essere svilente per i bambini. "Se i miei genitori fossero stati in casa mentre io mi preparavo e non fuori per lavoro mi sarei sentito davvero trascurato" - si legge in un commento.

E in effetti pensare di lasciarli da soli anche in un momento della giornata in cui ci si vede, si scherza, si condivide la colazione magari, non è affatto una scelta positiva. Possono esserci giorni in cui si è stanchi e uno dei due genitori resta a letto, ma decidere di restare a dormire entrambi sarebbe un atto quasi di scarsa considerazione. Tu cosa ne pensi e come ti sei comportato con i tuoi figli in circostanze del genere?

Source:

Reddit

Advertisement